News BAT

Home » Notizie Puglia » News BAT » Lino Banfi dona 270 chili di orecchiette ai senzatetto di Roma

Lino Banfi dona 270 chili di orecchiette ai senzatetto di Roma

“Oltre alla tipica pasta pugliese sono stati donati anche 500 vasetti di sugo pronto.”
Lino Banfi dona 270 chili di orecchiette ai senzatetto di Roma

La solidarietà ai tempi della Fase 2 del coronavirus continua a non arresta. Tra le tante lodevoli iniziative da parte di persone famose e privati cittadini, si aggiunge la generosità del noto attore pugliese Lino Banfi.

Scopri di più su: Lino Banfi, simbolo della comicità e della recitazione pugliese

Pasquale Zagaria, questo il vero nome dell’artista, ha donato 270 chili di orecchiette da destinare a tutti i poveri del Papa. La consegna, rigorosamente made in Puglia (la pasta è stata prodotta a Barletta), è avvenuta in questi giorni nel suo ristorante, presente nel quartiere Prati di Roma. A ritirare il tipico piatto pugliese accompagnato da cinquecento vasetti di sugo di pomodoro, l’elemosiniere del papa, il cardinale Konrad Krajewski.

Scopri di più su: Orecchietteria Banfi, un pizzico di Puglia in capitale con Lino Banfi

Come dichiarato dallo stesso Banfi all’Adnkronos, il centro di Roma è pieno zeppo di senzatetto che, prima delle chiusure a causa del coronavirus, vivevano proprio grazie all’aiuto dei generosi ristoratori. Le immagini degli ultimi giorni hanno profondamente sensibilizzato l’attore, che ha quindi deciso di aiutare i meno fortunati.

Orecchiette made in Barletta

D’accordo con la sua famiglia, l’attore si è messo in contatto con il suo amico prete, don Sergio Mercanzin e ha contattato il fornitore della sua orecchietteria, un’azienda di Barletta, che ha subito provveduto alla spedizione dei 270 chili di orecchiette.

Facendo un breve calcolo, gli homeless che beneficeranno del dono di Lino Banfi saranno all’incirca 2500.

Nonostante la serietà della situazione, Lino Banfi non ha esitato a sdrammatizzare grazie alla sua tipica verve che lo contraddistingue: “Tra i cinquecento vasetti di sugo che serviranno a condire le orecchiette – ha scherzato con l’Adnkronos – c’è pure quello ‘alla porca puttena’: vera ghiottoneria. È piccante con il peperoncino. Ne vanno ghiotte anche le suore quando vengono qui”.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento