News Taranto

Home » Puglia Notizie » News Taranto » Taranto, siglato accordo con l’OMS per la tutela dell’ambiente

Taranto, siglato accordo con l’OMS per la tutela dell’ambiente

“Il costo complessivo delle analisi sarà di 140 mila euro.”
Taranto, siglato accordo con l’OMS per la tutela dell’ambiente

La città di Taranto potrebbe essere vicina ad una svolta positiva. La Regione Puglia, infatti, si è affidata all’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire e conoscere tutta la verità circa l’impatto ambientale che riguarda la Città dei Due Mari, spesso oggetto di cronaca.

Questa provincia della Puglia, infatti, è definita da oltre trent’anni una zona ad alto rischio ambientale. Questo dato, stando alle dichiarazioni comuni, è dovuto anche a causa della presenza dell’acciaieria più grande di tutta Europa, l’Ilva.

Intenzionati ad una svolta in chiave positiva, dunque, nella giornata di ieri è stata confermata a Roma la collaborazione con l’OMS.

Le tre valutazioni dell’OMS

Questo consentirò la valutazione scientifica di tre scenari differenti:

  1. Attuale: in questo parametro saranno valutate le contemporanee disposizioni e autorizzazioni integrate ambientali
  2. Tecnologico : sarà verificato se sono utilizzate tutte le migliori tecnologie
  3. Scenario zero‘: con questo termine si spera che ad impianto spento non ci siano più emissioni

Quando Taranto potrebbe ottenere i primi risultati

Stando a quanto dichiarato, sarà possibile ottenere i primi risultati nel giro di un anno. Il costo complessivo dell’operazione si aggira intorno ai 140 mila euro, una cifra irrisoria se si pensa a tutte le vite strappate in questi anni.

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha dichiarato anche che è stata proposta un’innovazione del ciclo industriale sulla base di tutti i principi della decarbonizzazione, oltre che ad aver suggerito alcune tecniche appositamente studiate per abbattere le emissioni di anidride carbonica.

L’obiettivo di questo accordo, dopotutto, è proprio questo: mettere al centro dell’attenzione la salute delle persone, a prescindere dagli interessi economici.

La soddisfazione per questo traguardo è anche stata dichiarata anche dal Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), Alessandro Miani, che ha colto l’occasione per ribadire che da questo piano ci si aspetta massimo impegno per conoscere la situazione sanitaria e ambientale di Taranto. Le voci che circolano da anni hanno necessità di essere scientificamente provate per permettere che tutto cambi.

Bisognerà aspettare poco meno di un anno per scoprire la verità.


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia