News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Il Pallone di Gravina vince la medaglia d’oro ai “World cheese awards”

Il Pallone di Gravina vince la medaglia d’oro ai “World cheese awards”

“La produzione di un caseificio di Altamura è stata premiata in Spagna.”
Il Pallone di Gravina vince la medaglia d’oro ai “World cheese awards”

Il miglior formaggio del mondo è pugliese. Il concorso internazionale che mette a confronto i migliori formaggi del mondo, il World cheese awards, che quest’anno si è tenuto a Oviedo, in Spagna, ha decretato come vincitore il Pallone di Gravina.

Scopri di più su: Pallone di Gravina, eccellenza culinaria della Murgia

La prelibatezza pugliese è così riuscita a conquistare la medaglia d’oro, avendo la meglio tra oltre 4.079 concorrenti provenienti da 45 diversi Paesi. La produzione di un caseificio di Altamura è riuscita a conquistare la giuria, facendosi spazio tra il vincitore assoluto, il formaggio di capra morbido Olavidia e l’italiano Parmigiano Reggiano.

Come dichiarato dal presidente dei Casari di Confartigianato Puglia, Angelantonio Tafuno, questo premio è un riconoscimento alla bontà di un prodotto che rischiava di essere completamente dimenticato, e su cui si è deciso di puntare nella convinzione che le produzioni artigianali autoctone non abbiano nulla da invidiare ad altri tipi di formaggi più conosciuti.

La medaglia d’oro, dunque, è stato un riconoscimento del valore dell’artigianato, che ha portato un prodotto come il Pallone di Gravina che è stato riconosciuto Prodotto Tradizionale Regionale nel 2010 e che nel 2012 è diventato Presidio Slow Food.

Palone di Gravina, formaggio simile al caciocavallo

Il Pallone di Gravina è simile al caciocavallo oltre che nella sua vaga somiglianza anche per la sua tecnica di produzione, che prevede che il latte sia raggrumato con il caglio liquido di vitello, in pasta di agnello o di capretto. Non appena acquisita la cagliata realizzata, la stessa viene raccolta e poi fatta stazionare sul tompagno. A questo punto si aspetta che la pasta raggiunga la giusta acidità per poi procedere a tagliarla in fettine e a filarla con acqua calda. Una fase importantissima è quella dell’asciugatura, che viene effettuata prima nel luogo di produzione e poi in cantina.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento