News BAT

Home » Puglia Notizie » News BAT » Minervino Murge, scoperta una nuova grotta carsica

Minervino Murge, scoperta una nuova grotta carsica

“Macchia Nera (Delissanti 7) conserva al suo interno anche delle colate cristalline.”
Minervino Murge, scoperta una nuova grotta carsica

Che la Puglia sia una regione ricca di carsismo non è certo una novità. L’ultima scoperta che conferma questo fenomeno (se mai ce ne fosse realmente bisogno) è avvenuta nel territorio di Minervino Murge, dove è stata individuata una nuova grotta.

Questo ritrovamento si aggiunge a quelli del 2005, che hanno individuato ben sei cavità carsiche nella cava Porcili. L’interessante ritrovamento di questi giorni, ad opera del geologo barlettano Ruggiero Maria Dellisanti, invece, è avvenuto in località Penna Bianca.

La nuova grotta carsica

La nuova grotta carsica si trova nel centro del Parco dell’Alta Murgia, che era già stata ispezionata da un Gruppo Speleologico Ruvese. In onore di colui che l’ha individuata, è ora soprannominata con il nome di Macchia Nera (Dellisanti 7) ed è già stata iscritta all’interno del catasto regionale delle grotte.

Cosa contiene

La nuova grotta carsica, esplorata, contiene una serie di pozzetti dalla profondità di circa trenta metri che presenta sia dei collegamenti orizzontali che un caratteristico e interessante cunicolo.

Come ha affermato Dellisanti, però, le scoperte all’interno della Macchia Nera sono destinate ad aumentare, in quanto all’interno sono stati ritrovati numerosi pipistrelli e poiché le pareti sono risultate essere molto interessanti. Queste ultime, infatti, hanno fin da subito mostrato delle concrezioni carbonatiche di diverse tipologie, che oltre a stallattiti e stalagmiti, ha mostrato una ricca presenza di colate cristalline, veli calcitici semitrasparenti e coralliformi, di rara bellezza.

L’importanza del carsismo in Puglia

La recente e fresca scoperta, dunque, va ad aggiungersi alle oltre quaranta cavità carsiche del territorio di Minervino Murge.

Questa zona, considerata un vero e proprio patrimonio naturalistico, consente di sviluppare sia il turismo sostenibile che quello speleologico, che avviene anche attraverso la valorizzazione di tutte queste grotte.

Il prof. Dellisanti, quindi, spera che questa sia un’ulteriore occasione per poter sviluppare una buona opportunità di crescita occupazionale che può derivare anche attraverso la valorizzazione, oltre che del patrimonio carsico, di tutta Minervino Murge.

Dopotutto, oltre ai meravigliosi doni della natura, questa zona riserva anche una solidità gastronomica d’eccellenza e in grado di accontentare ogni sorta di palato.


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia