News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Cinema, anno eccezionale per le riprese in Puglia

Cinema, anno eccezionale per le riprese in Puglia

“Il budget di 10 milioni di euro è stato raggiunto in poco più di un anno.”
Cinema, anno eccezionale per le riprese in Puglia

Il 2019, sebbene non si sia ancora concluso, è stato sicuramente un anno positivo per il cinema made in Puglia.

Durante questi nove mesi, infatti, si sono alternati prestigiosi artisti, registi e produttori, sia nazionali che internazionali, che hanno girato i propri film su tutto il territorio della regione.

I diversi cast che si sono susseguiti sono stati accolti, oltre che dalle comunità locali, anche dalla Fondazione Apulia Film Commission e della stessa Regione.

Tutti i film girati in Puglia nel 2019

La Puglia, dunque, sta iniziando a ricoprire un ruolo sempre più importante nel panorama del cinema italiano e non solo.

Sophia Loren e “La vita davanti a sé”

Il 2019 si è aperto all’insegna del ritorno in regione, dopo quasi trent’anni da Sabato, domenica e lunedì di Lima Wertmüller della grande regina Sophia Loren, che ha girato tra Trani e Bari il lungometraggio diretto da suo figlio Edoardo Ponti La vita davanti a sé.

Matteo Garrone, “Pinocchio”

Prestigioso rientro anche per Matteo Garrone, che a distanza di 4 anni dal “Il racconto dei racconti” ha ambientato in Puglia Pinocchio, con un cast eccezionale con protagonista il premio Oscar Roberto Benigni.

Verdone, Zalone e Aldo Giovanni e Giacomo

Presenti in regione anche Carlo Verdone che ha girato in Puglia il suo “Si vive una sola volta”, di Luca Medici, in arte Checco Zalone con l’attesissimo “Tolo Tolo” e Aldo Giovanni e Giacomo, che hanno registrato in Salento la pellicola “Odio l’estate”.

James Bond

Impossibile non citare anche il set internazionale che ha visto girare a Gravina in Puglia alcune scende dell’ultimo film di James Bond, “Bond 25” e interpretato per la quinta volta da Daniel Craig.

Non solo cinema

I territori e i panorami di Puglia, però, non hanno fatto da cornice solamente ai film destinati al grande schermo. Non si possono dimenticare pellicole come “Lo Spietato” di Renato De Maria (con la prestigiosa produzione di Netflix), “Non sono un assassino” di Andrea Zaccariello e “Il grande spirito” di Sergio Rubini accolti con grande entusiasmo dal pubblico del Bif&st. Non vanno dimenticate anche le serie tv “Fratelli Caputo” di Alessio Inturri e “Il commissario Ricciardi” di Alessandro D’Alatri.

Budget di 10 milioni di euro

Tutti i grandi nomi che si sono susseguiti solamente in quest’anno hanno consentito, in poco più di un anno, di raggiungere il budget di 10 milioni di euro per i finanziamenti del Film Fund, inizialmente stanziati per tutto il triennio 2018-2020.

Come dichiarato dall’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale Loredana Capone, è stato deciso di lanciare una nuova fase nell’evoluzione dell’Apulia Film Fund per ottenere una misura strutturale, efficace e accessibile in vista della nuova programmazione dei fondi strutturali europei 2021-2027.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento