News Foggia

Home » Puglia Notizie » News Foggia » 13 milioni di euro per la sicurezza del patrimonio storico del foggiano

13 milioni di euro per la sicurezza del patrimonio storico del foggiano

13 milioni di euro per la sicurezza del patrimonio storico del foggiano

Il Ministero per i Beni Culturali (MiBACT) ha stanziato 13 milioni dedicati unicamente alla provincia di Foggia per riqualificare e mettere in sicurezza tutte le strutture culturali e storiche del territorio secondo i più moderni metodi antisismici. A dare il via a questo piano dedicato alla sicurezza degli edifici chiave e dei luoghi di culto della Capitanata è stato un Comitato tecnico scientifico del Ministero per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo che ha approvato un piano attivo a livello nazionale che porterà a un investimento totale di oltre 597 milioni.

Attualmente la più importante manovra antisismica dedicata alla tutela del patrimonio museale e culturale della zona con un dettaglio particolare che rende questa manovra unica: tutti i siti presi in considerazione sono stati segnalati direttamente dal territorio, sancendo una collaborazione inedita tra questo e il MiBACT. Sarà ora responsabilità della provincia sfruttare nella maniera più sapiente possibile i fondi appena giunti, soprattutto dedicandoli al fine ultimo della rivalutazione turistica delle zone coinvolte.

Nello specifico saranno oggetto di lavori: nella città di Foggia il Palazzo Filiasi che vedrà i suoi primi due piani ristrutturati e l’edificio restaurato, la Chiesa di San Tommaso e la Chiesa di San Giovanni Battista che vedranno ridotta la vulnerabilità al rischio sismico; sulla Isole Tremiti il santuario di Santa Maria del Mare con una verifica del rischio sismico; lo stesso dicasi per la cattedrale di Lucera; a Manfredonia il parco archeologico di Siponto con interventi per il miglioramento dell’accessibilità e l’eliminazione delle barriere architettoniche insieme al Museo Archeologico Nazionale con opere di riduzione della vulnerabilità sismica; a Rocchetta Sant’Antonio sarà interessato il Castello d’Aquino, a San Severo il complesso S. Francesco e il Museo dell’Alto Tavoliere, a Sant’Agata di Puglia il Castello Svevo, a Troia la Cattedrale, a Vico del Gargano la Chiesa Matrice e la Chiesa del Purgatorio, tutti oggetto di verifica del rischio sismico e riduzione della vulnerabilità. Una serie di lavori mastodontici che permetteranno una fruizione più sicura di tutti i beni culturali del territorio e permetteranno loro un maggiore coinvolgimento dal punto di vista turistico.


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia