News Taranto

Home » Notizie Puglia » News Taranto » Test Fetale gratis: Puglia prima regione in Italia

Test Fetale gratis: Puglia prima regione in Italia

“L'esame diagnostico era effettuabile privatamente per un costo dai 400 agli 800 euro.”
Test Fetale gratis: Puglia prima regione in Italia

Il test del Dna Fetale per tutte le donne in gravidanza con più di 40 anni o con un fattore di rischio medio o alto sarà da oggi gratuito. L’esame diagnostico, era effettuabile solo nei laboratori privati, con un costo tra i 400 e gli 800 euro a carico delle coppie. La Puglia diventa oggi la prima regione in Italia a dare alle coppie la possibilità, sull’intero territorio, di effettuare un test prenatale così importante e non invasivo in modo gratuito, evitando spese spesso insostenibili e rischi legati a esami più invasivi. 

È stata infatti approvata all’unanimità la proposta del consigliere salentino Donato Metallo che diventa legge. Quest’ultima ha carattere sperimentale ed è il primo caso nel Paese di copertura del servizio sull’intero territorio regionale. In altre regioni (Emilia Romagna) la sperimentazione riguarda solo alcune province. Il Nipt, Test prenatale non invasivo, è un esame di screening ormai diffuso per l’indagine prenatale delle aberrazioni cromosomiche, tra cui la sindrome di Down, di Patau e di Edwards.

Importanza del test

 “È una legge di giustizia sociale, che dà la possibilità a tutte le donne che ne abbiano bisogno di non sottoporsi a esami più invasivi e rischiosi”, spiega Metallo, “e alle coppie di vivere con serenità un periodo così bello e importante della propria vita”.

“Non ritengo giusto che chi non può permettersi questa spesa debba, in caso di rischio, sottoporsi ad esami con pericoli per la donna e per il nascituro, come l’amniocentesi. Non è ammissibile che ancora oggi, con un numero crescente di coppie che arrivano all’esperienza della gravidanza in età più avanzata, ci si debba trovare davanti al bivio che obbliga a scegliere tra la salute e la disponibilità economica. Ecco perché in questi mesi ho lavorato con medici, genetisti e coppie di genitori a questa Legge, che oggi finalmente è realtà grazie a un voto unanime del Consiglio regionale e dei colleghi consiglieri che con me hanno sottoscritto questa battaglia di diritti, civiltà e modernità”, conclude il consigliere.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento