News Bari

Home » Puglia Notizie » News Bari » Agri Travel Expo 2017, Puglia assoluta protagonista

Agri Travel Expo 2017, Puglia assoluta protagonista

Lo scambio di know-how ed esperienze e la ricerca di soluzioni reciprocamente vantaggiose per favorire strategie per la promozione del turismo rurale: queste le direttrici lungo le quali si è manifestata la presenza pugliese all’Agri Travel Expo 2017 di Bergamo. Nei tre giorni di rassegna (dal 17 al 19 febbraio) si è sviluppato un ricco programma (workshop, presentazioni e incontri B2B) nel quale le tematiche legate al turismo, all’agricoltura, alla sana alimentazione sono state approfondite grazie alla larga partecipazione istituzionale e commerciale da tutta Italia, dall’Europa e dal resto del mondo. Una particolare attenzione è stata riservata all’agroalimentare, considerata ormai una leva per la crescita del marketing turistico e della green economy, carburante necessario per il rilancio dell’economia turistica.

Ceci, patate e polpette di vacca podolica conquistano le attenzioni culinarie

La presenza pugliese è stata caratterizzata da 22 espositori: 11 masserie didattiche e 11 produttori (dall’olio extravergine al vino, dal caciocavallo podolico alle mandorle, dai sott’oli alle confetture) in rappresentanza degli oltre 40 marchi che in etichetta esibiscono il bollino di qualità certificato dalla Regione “Prodotti di Puglia”. E proprio grazie al sostegno della Regione Puglia, attraverso l’Assessorato alle Risorse Agroalimentari, il pubblico di Agri Travel Expo ha potuto scoprire le masserie didattiche con i loro prodotti e le loro attività; letteralmente prese d’assalto anche da decine di scolaresche. “Le masserie sono le miniere dei saperi e dei sapori della nostra terra – afferma l’assessore regionale all’Agricoltura Leonardo di Gioia – In queste strutture dotate di laboratori i ragazzi possono giocare con acqua e farina, sentire sotto le dita la pasta elastica e fare il pane, le focacce. Hanno la possibilità di assistere alla mungitura, di partecipare alla preparazione del formaggio, seguiti da personale competente, e di mangiare ricotta calda. Sono luogo di produzione, ma anche di formazione e di educazione alimentare, sia per gli operatori che per i consumatori di domani”. Particolarmente apprezzati sono stati alcuni piatti della cucina pugliese come “ceci, patate, rape e ciecamariti (pezzetti di pane raffermo fritto)”. Decisamente senza rivali le polpette di vacca podolica fritte e al sugo. La fabbrica del buono e del salubre può diventare la fabbrica del futuro, in grado di produrre anche buona economia. E’ questo il messaggio vincente, per la Puglia e chi la ama in ogni sua declinazione.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia