puglia
News Bari

Home » Puglia Notizie » News Bari » 160 milioni di euro per accoglienza e agricoltura

160 milioni di euro per accoglienza e agricoltura

160 milioni di euro per le aggregazioni tra soggetti pubblici e privati anche per presentare, tramite i fondi agricoli, progetti dedicati all’accoglienza, dall’agriturismo al bed and breakfast. E’ il progetto della Regione Puglia, presentato nel corso della Borsa internazionale del turismo, conclusa ieri a Milano. A darne l’annuncio e i dettagli è stato l’assessore regionale all’Agricoltura, Leonardo di Gioia. “Turismo e agricoltura – ha aggiunto di Gioia – “devono andare di pari passo. Gli agricoltori sono i primi manutentori del paesaggio: la presenza dell’uomo e le buone pratiche agricole sono un grande fattore di contrasto al dissesto idrogeologico. Per questo vogliamo incentivare gli agricoltori a sperimentare nuovi percorsi. La Regione Puglia – ha aggiunto – si appresta a scrivere una legge sull’agricoltura sociale: in campagna non solo si deve coltivare e noi teniamo molto alla qualità dei prodotti e all’ospitalità, ma si può anche rieducare e contribuire alla socializzazione di persone meno fortunate”.

Il modello di sviluppo agricolo regionale punta a coniugare la competitività, anche attraverso la diversificazione produttiva, con la sostenibilità economica ed ambientale ed è, pertanto, un modello che proprio per la sua trasversalità, si pone da protagonista sia a livello nazionale che comunitario. Rilevante è la benefica ricaduta delle potenzialità rivenienti dai Fondi Comunitari che, anche attraverso la nuova programmazione, consentiranno migliori opportunità di sviluppo nel settore agroalimentare.

L’annuncio dell’assessore Di Gioia alla Bit di Milano

Il prossimo step è una legge sull’agricoltura sociale: “In campagna non solo si deve coltivare e noi teniamo molto alla qualità dei prodotti e all’ospitalità, ma si può anche rieducare e contribuire alla socializzazione di persone meno fortunate-ha aggiunto Di Gioia- È una sfida che vogliamo cogliere e siamo tra le regioni più avanzate in questo senso: tutto ciò costituisce una tipicità della Puglia che custodiamo gelosamente”. Un passaggio che di fatto rinnoverà anche il ruolo dei Gruppi di Azione Locale (GAL), che “diventeranno di fatto agenzie di sviluppo del territorio: una parte dell’offerta turistica verrà erogata attraverso la programmazione e poi la gestione delle misure da parte dei gruppi di azione locale. Stiamo lavorando – ha detto ancora – per una politica forte di tracciabilità dei prodotti, spingendo quanto più possibile l’utilizzo dei fondi comunitari. Vogliamo recuperare tradizioni di coltivazione e biodiversità dei semi antichi: il sistema agroindustriale dovrà sempre più cogliere la sfida dei prodotti italiani e pugliesi in particolare”.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia