Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Rosolio, liquore rosato tipico della tradizione culinaria del Novecento

Rosolio, liquore rosato tipico della tradizione culinaria del Novecento

“Il rosolio è una bevanda liquorosa molto semplice da trovare a casa delle massaie di una volta.”
Rosolio, liquore rosato tipico della tradizione culinaria del Novecento

Originario del medioevo, in particolare della corte di Caterina De Medici, il rosolio è un tipo di liquore davvero particolare dal sapore delicato e leggero, diffuso soprattutto in passato tra Italia e Francia ma che ancora oggi è possibile scoprire nelle dispense delle nostre nonne, realizzato a mano e con passione.

Cos’è il rosolio?

Il rosolio è sempre stato prodotto in casa e offerto come segno di buon augurio, in regalo ai propri ospiti o agli amici come le varie creme di limoncello o di liquore alle mandorle. Ne esistono diverse varietà, poiché la ricetta originale prevede l’utilizzo di un’essenza non meglio specificata, è tradizione tuttavia sfruttare per i propri scopi i petali delle rose, che conferiscono al liquore non solo un retrogusto dolce e vellutato ma anche una tinta tenue e rosa. Il nome deriva, è bene specificarlo, non dal fiore, ma dalla traduzione dal latino di ros solis, rugiada di sole, attribuito quelle che erano le caratteristiche delle vecchie drosere, spesso ricoperte dalla rugiada del mattino.

La storia

La storia del rosolio è legata in particolare al periodo del 1500, con la grande diffusione lungo la penisola dello stivale dello zucchero raffinato. Furono dei monaci a crearlo per primo, conducendolo alla corte dei nobili e da lì in tutta Europa. Tale era la sua fama, in passato, che esistono diversi riferimenti cinematografici e letterari legati alla bevanda, dove viene assaporato in Novecento di Bernardo Bertolucci o gustato da Pinocchio nell’omonimo capolavoro animato Disney.

Le proprietà benefiche

Sono molti i benefici attribuiti al rosolio, che lo renderebbero non solo una bevanda dal gusto gradevole ma anche un ottimo benefattore per la propria salute. In passato, dai greci fino al periodo della tarda rivoluzione industriale, si riteneva non a caso che i petali di rosa avessero poteri miracolosi e taumaturgici, spesso utilizzati in infusione con l’olio d’oliva per curare ogni malanno. Al loro interno contengono acido gallico ed eugenolo, dalle proprietà antisettiche e astringenti, perfetti per decotti, colliri e impacchi. In base alla problematica, basteranno pochi grammi di rosolio per ottenere un effetto antinfiammatorio.


Data:



Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia