Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Ponte di Palino, ingegno dell’antica Roma a Sant’Agata

Ponte di Palino, ingegno dell’antica Roma a Sant’Agata

“La preziosa e antica costruzione si trova tra Sant'Agata di Puglia e Candela.”
Ponte di Palino, ingegno dell’antica Roma a Sant’Agata

La Puglia, come noto, è stata anticamente abitata dai Romani. La prova della loro presenza sul nostro territorio è palesata in alcune costruzioni presenti nel Tacco d’Italia dal Gargano al Salento.

Scopri di più su:
Anfiteatro di Lucera, importante testimonianza romana
Anfiteatro romano di Lecce, bellezza classica in piazza Sant’Oronzo

Tra le tante tracce del loro passaggio, tuttavia, non ci sono solo incantevoli anfiteatri: ad esempio, sulla strada che collega Sant’Agata di Puglia a Candela, in località Palino, è presente un maestoso ponte, le cui origini, stando i numerosi studi realizzati al riguardo, sembrerebbero proprio appartenere all’antico popolo.

Di aspetto simile a quello di Canosa di Puglia, anche il ponte di Palino è stato costruito in mattoni e pietra ed è lungo circa 211 metri ed è alto 11. Costituito da tre archi a tutto sesto, di cui l’arcata centrale risulta essere quella maggiore rispetto alle altre due, il risultato di questa geniale intuizione gli ha generato un profilo del piano di calpestio a schiena d’asino. la struttura è oggi frutto di diverse fasi di ricostruzione.

Scopri di più su: Ponte romano sull’Ofanto, preziosa testimonianza passata

Ponte di romano di Palino

Oggi non più attraversabile, il ponte romano di Palino, oltre a mostrarsi nelle sue diverse fasi di ricostruzione, può comunque essere ammirato in tutta la sua magnificenza architettonica.

Dai tratti semplici ed eleganti, l’intera struttura è stato molto probabilmente eretta insieme ad altre costruzioni limitrofe, quasi tutti crollate o molto danneggiate. Questo fattore, dunque, conferma il ponte di Palino ancora più eccezionale in quanto uno dei pochi superstiti in grado di mostrare ancora quel tratto identitario tipico del popolo.

A percorrere questo ponte è stato lo stesso poeta Orazio, che nel 38 a.C., così descritto nella satira 5 del libro I. Perché, allora, non visitare personalmente questa perla rara presente nel territorio foggiano?

Foto di: @archeoflight


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento