Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Convento di San Matteo, fede e bellezza a S. Marco in Lamis

Convento di San Matteo, fede e bellezza a S. Marco in Lamis

“Il convento richiama tutt'oggi numerosissimi fedeli.”
Convento di San Matteo, fede e bellezza a S. Marco in Lamis

Tra i carpini e frassini alle pendici del Monte Celano di San Marco in Lamis sorge un meraviglioso monastero, meglio conosciuto con il nome di Convento di San Matteo.

Questo edificio è stato per molto tempo tappa dei numerosi pellegrini diretti al Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo di riposarsi prima di riprendere il cammino. Costruito molto probabilmente in epoca longobarda, il Convento di San Matteo era stato inizialmente dedicato a San Giovanni Battista. Il suo ruolo di primaria importanza era noto già nell’anno Mille: i benedettini resero questo luogo religioso un centro così importante il cui dominio si estendeva per grande parte del Gargano e su alcune zone del Tavoliere. Stando ai reperti storici ad oggi pervenuti, quello che era un tempo conosciuto come Convento di San Giovanni, cambiò il suo nome in quello attuale solamente nel 1578, quando questo edificio venne donato da Papa Gregorio XIII ai francescani , che decisero di dedicarlo a San Matteo in quanto luogo di devozione dello stesso.

La spiritualità del Convento di San Matteo

Spesso offuscato dalle vicine Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo, in realtà anche all’interno del Convento di San Matteo è possibile respirare un luogo di grande spiritualità, che, complice la sua straordinaria bellezza ma al tempo stesso semplicità, richiama numerosissimi fedeli.

Una visita tra le mura del Convento di San Matteo consente di immergersi in un’atmosfera nella quale si fondono natura, storia e cultura per un’esperienza decisamente indimenticabile. Nel silenzio circostante del posto, questo luogo offre una vista spettacolare sul paese ed è ricco di reperti archeologici e di libri rari e importantissimi.

Aperto al pubblico, il Convento di San Marco ospita al suo interno una biblioteca contenente oltre 60.000 volumi e dedicata a padre Antonio Fania di Rignano Garganico. La vera meraviglia, tuttavia, non termina qui: è presente un museo con numerose opere d’arte. Imperdibili sono anche i resti degli affreschi medievali sulle pareti, che raffigurano tra i tanti San Francesco in visita sul Gargano o altri ancora dedicati a San Giovanni Battista, San Giuseppe, Immacolata Concezione e anche Sant’Antonio da Padova.

Orari di visita

Gli orari di visita sono i seguenti:

Orario solare: 7 – 12:45 / 15 – 19:30
Orario legale: 7 – 12:45 / 15 – 21

video

Video


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento