Puglia Blog

Home » Puglia Blog » La leggenda dei faraglioni di Torre dell’Orso in Puglia, nati da due sorelle

La leggenda dei faraglioni di Torre dell’Orso in Puglia, nati da due sorelle

Quando si pensa alla Puglia, nella mente di ogni abitante e turista, scorrono mari cristallini e incontaminati, riecheggia il suono del divertimento e della musica e arde il sole rovente che batte su ogni singolo ramo d’ulivo pugliese. Tante sono le storie e le leggende nate anticamente in regione, quasi come se ogni città o paesino fossero circondati da un alone di magia e mistero che la avvolge. Ogni luogo ha una storia diversa da raccontare, la quale nella maggior parte dei casi, porta il nome con il quale si chiama la città oggi. È questo ad esempio il caso di Torre dell’Orso. Nome bizzarro per una città che si affaccia sul mare e non sorge sulle lontane e maestose montagne.

Situata a sud della Puglia, in Salento, Torre dell’Orso si estende su una litoranea di 800 metri di spiaggia pura con granelli sottili come il sale, di acque che ricordano i colori del cielo e del mare uniti in un unico dipinto celeste. Ci sono varie teorie che girano intorno alla sua nascita e soprattutto al suo nome; molti pensano che derivi dal cognome dell’ipotetico proprietario dell’agro anticamente, Urso; altri credono che nasca dalla devozione per il santo di Sant’Orsola o addirittura perché il profilo della roccia è simile a quello di un orso. Basta soffermarsi a guardarla per vedere improvvisamente un orso con le sue orecchie ben visibili.

Tra tante teorie discordanti, l’unica certezza è che il simbolo della città è una torre situata sulla scogliera e che si affaccia sul mare, risalente al XVI secolo, utilizzata per avvistare il nemico turco che si dirigeva verso il Salento. Forse, tra le leggende più profonde e misteriose, possiamo citare quella delle due sorelle che portarono alla nascita dei faraglioni di Torre dell’Orso. Nella leggenda si narra che un giorno due sorelle, stanche di una dura giornata di lavoro nei campi, decisero di riposarsi lungo la scogliera, per assaporare la brezza di mare e il sole che baciava i loro volti pallidi. Tanta era la gioia e la sensazione di libertà che provava una delle due giovani, che quasi fu stregata dal profumo di quel mare incontaminato e, disgraziatamente, cadde dalla scogliera precipitando in mare. L’altra sorella, cercando di raggiungere l’altra fanciulla per portarla su, cadde in mare, ma invano. Gli dei misericordiosi decisero di trasformare i loro corpi in roccia, così da potersi abbracciare in mare che era stato la loro morte e ora la loro casa, per sempre.

Quel giorno le urla delle due sorelle furono ascoltate da un pescatore che era li vicino, il quale sbalordito, vide uscire dall’acqua due faraglioni enormi, quasi come separati alla nascita. Questa è la leggenda dei faraglioni di Torre dell’Orso, questa è la leggenda delle due sorelle di uno dei luoghi più belli di Puglia.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia