News Foggia

Home » Puglia Notizie » News Foggia » Borgo Mezzanone, Pasquetta solidale: in 300 per dire “no” al caporalato

Borgo Mezzanone, Pasquetta solidale: in 300 per dire “no” al caporalato

Una Pasquetta diversa, senza gite fuori porta o grigliate di carne, ma con una mano tesa a chi quotidianamente è vittima di un fenomeno sempre più esteso. Circa 300 persone – secondo gli organizzatori – hanno partecipato ieri, lunedì 17 aprile, alla marcia nazionale contro la mafia del caporalato che si è tenuta a Borgo Mezzanone, in provincia di Foggia, dove si trova un ghetto di migranti che è divenuto nel tempo uno dei luoghi simbolo dello sfruttamento della manodopera in agricoltura. La marcia è partita dal centro di Borgo Mezzanone ed è proseguita fino al ‘ghetto dei bulgari’. Vi hanno aderito numerose associazioni, alcuni intellettuali e, a titolo personale, il segretario generale Spi Cgil Puglia, Gianni Forte. Tra le sigle presenti anche Left, Migrantes Bari, LegaCoop Puglia e Lazio, Granoro, Aiab, Cnca, Amnesty International Italia, Libera Puglia, Possibile, docenti universitari, magistrati, militanti politici, persone comuni.

Successo per la manifestazione con punto d’arrivo nel “ghetto dei bulgari”

Secondo le associazioni organizzatrici, la scelta di marciare contro il caporalato deriva dalla necessità di dare un segnale di civiltà in uno dei luoghi più infernali d’Italia.”Nei 40 anni di lotte contro il caporalato che ho vissuto anche da protagonista sindacale – sono state le parole di Forte – siamo sempre rimasti isolati da una società civile che non sembrava disposta a sostenerci. La marcia fa cadere un altro muro e segna l’inizio di una fase nuova”. Il corteo ha percorso circa otto chilometri prima di arrivare al ‘ghetto dei bulgari’, la baraccopoli abitata da circa 250-300 braccianti che ora sono impegnati nella raccolta di carciofi e asparagi. Con i cittadini bulgari i manifestanti hanno avuto un momento conviviale. “Non vogliono essere sgomberati, come è già accaduto nel vicino ghetto di Rignano Garganico – ha spiegato all’Ansa il sociologo Leonardo Palmisano – e, per questo, dicono di voler tornare in Bulgaria in autunno, dopo che sarà terminata la raccolta del pomodoro. La richiesta che noi facciamo oggi – conclude Palmisano, sostenuto dal collega Marco Omizzolo – è di istituire un tavolo regionale per dare vita ad un presidio nazionale contro il caporalato”.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia