News Bari

Home » Puglia Notizie » News Bari » Xylella, Massaro vince il premio come ingegnere dell’anno

Xylella, Massaro vince il premio come ingegnere dell’anno

“L'ingegnere di Conversano è stato premiato per aver inventato una macchina per uccidere la sputacchina.”
Xylella, Massaro vince il premio come ingegnere dell’anno

Il miglior ingegnere del 2018 è un pugliese. Alessandro Massaro, questo il nome dell’uomo, è stato premiato grazie a due progetti che gli hanno reso il prestigioso titolo. Il primo tratta dell’invenzione e della sperimentazione di un macchinario innovativo che probabilmente sarà in grado di distruggere la xylella, mentre il secondo riguarda alcune ricerche sul monitoraggio nella rete dell’Acquedotto Pugliese.

Il 44enne di Bari, oltre al prestigioso riconoscimento, è il direttore scientifico di un centro di ricerca di Conversano ed è stato premiato direttamente dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri nel Palazzo Strozzi di Firenze e da Federmanager giovani.

Un macchinario che permetterà di distruggere il batterio della Xylella

Il macchinario studiato dall’ingegnere permetterà di ottenere importanti risultati circa il sistema di trattamento che distrugge il batterio della Xylella. Questo progetto è stato realizzato in collaborazione con l’Università di Bari, dando già ottimi risultati a partire dalla fase della sperimentazione. La distruzione della sputacchina ha ottenuto già nelle prove sperimentali un ottimo 99%. Questo risultato è tutt’ora studiato nelle zone cuscinetto individuate dall’Osservatorio Fitosanitario Regionale, che da sempre svolge ruoli di sorveglianza e controllo sulla presenza di avversità che possono costituire danno alle colture sia in pieno campo che in vivaio.

L’altro importante progetto messo a punto dal direttore del centro di ricerca di Conversano è stato quello di seguire un’attività di monitoraggio della dispersione dell’acqua nella rete idrica pugliese. Il sistema studiato, servendosi di tecnologie fornite di georadar e radiotermico punterà a diminuire le perdite sui territori urbani. Queste fuoriuscite d’acqua saranno riparate senza la rottura del manto stradale con l’aiuto delle nuove tecnologie messe a punto dall’Acquedotto Pugliese.

Massaro, sebbene si sia laureato in ingegneria elettronica all’Università delle Marche, ha deciso di tornare nella sua terra, nella quale si è personalmente occupato di compiere nuove ricerche di nanotecnologie e diverse unità biomolecolari. Oltre al titolo di miglior ingegnere dell’anno è stato ritenuto dal Consiglio Nazionale Ingegneri come una delle figure più qualificate tra i 300 professionisti di tutte le branche dell’ingegneria.


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia