News Lecce

Home » Notizie Puglia » News Lecce » Xylella, primo olio da ulivi malati grazie a innesti di leccino

Xylella, primo olio da ulivi malati grazie a innesti di leccino

“Dopo il calo degli ultimi anni iniziano ad essere evidenti i primi segni di ripresa.”
Xylella, primo olio da ulivi malati grazie a innesti di leccino

In questi giorni molti ovicoltori pugliesi stanno festeggiando in seguito alla notizia che a Gagliano del Capo, in provincia di Lecce, è stato ottenuto il primo olio proveniente dalle olive raccolte dagli alberi immunizzati dalla Xylella.

Come affermato da Coldiretti Puglia, in seguito alla spremitura delle prime olive ottenute grazie all’innesto di piante malate con varietà resistenti di Leccino, dopo tre anni del terribile batterio si è finalmente tornati a produrre in Salento un ottimo olio.

La rinascita della provincia di Lecce

Savino Muraglia, il presidente di Coldiretti Puglia, ha commentato la notizia positiva asserendo che questo è sicuramente un segnale di rinascita per tutta la provincia di Lecce che grazie alle varietà resistenti alla Xylella e agli innesti potrà presto essere in grado di recuperare un patrimonio di inestimabile valore. Il batterio, infatti, ha provocato un danno stimato che si aggira intorno ai 1,2 miliardi di euro.

In Puglia, dopotutto, si produce la metà dell’olio Made in Italy, con la produzione regionale di extravergine stimata, come dichiarato da Coldiretti, in aumento del 70-80%.

Dopo il drastico crollo registrato lo scorso anno a causa delle diverse calamità, con una ripresa delle aree di Bari, BAT e Foggia, anche le province di Taranto e Brindisi stanno registrando un aumento che oscilla tra il 40 e 60%.

Per ovviare al deficit della Xylella nella provincia di Lecce, invece, un consorzio olivicolo con sede a Roma consegnerà ad ottobre circa 200mila piante di ulivo Leccino resistenti al batterio che verranno affidate agli ovicoltori.

PERCHÉ È IMPORTANTE COMBATTERE LA XYLELLA

Controllare e arginare il problema della Xylella, infatti, può permettere di non far diventare il sistema produttivo della Puglia un vero e proprio deserto.

L’auspicio di tutti i parlamentari, degli agricoltori e dei cittadini che quotidianamente stanno combattendo contro l’avanzata del batterio della Xylella, oltre a quello di riuscire a mettere in atto attraverso i fondi stanziati tutte le azioni necessarie per fronteggiare il problema , è quello di dimostrare la volontà di rinascita a tutta l’Europa.

Bruxelles, infatti, potrebbe finalmente di decidere di contribuire alla causa e di stanziare ulteriori finanziamenti contro la grave malattia vegetale che sta lentamente uccidendo gli ulivi.

I primi segnali di ripresa, finalmente, sembrerebbero essere arrivati.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento