Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Tratturo Foggia-L’Aquila: un viaggio al tempo della transumanza

Tratturo Foggia-L’Aquila: un viaggio al tempo della transumanza

“Il tratturo Magno è uno dei più lunghi percorsi adibiti alla Transumanza nella penisola.”
Tratturo Foggia-L’Aquila: un viaggio al tempo della transumanza

Il tratturo era una via di trasporto e comunicazione per i greggi provenienti da una determinata zona della penisola, destinati a recarsi in un altro sito distante dal punto di partenza. Il tratturo Magno o del Re, che con i suoi 244 km univa L’Aquila a Foggia, era uno dei più grandi e importanti dei cinque Regi Tratturi ed è tuttora presente.

Il sentiero ricalca un vero e proprio percorso tra l’Abruzzo e la Puglia attraverso i Molise e negli ultimi anni è stato oggetto di un sistematico studio da parte dell’Associazione Tracturo 3000 che dal 1997 lo ripercorre ogni anno.

Il percorso

L’inizio del tratturo può essere simbolicamente individuato nel Parco della Transumanza, adiacente alla Basilica di Collemaggio, dove si snoda con un secondo tratturo minore verso Guardiagrele. Segue poi una serie di bivi e incroci con tratturi secondari (tratturelli), in cui si possono incrociare piccole chiese votive come la Chiesa di Centurelle a San Pio delle Camere, risalente al XVI secolo, o torri di avvistamento dell’epoca longobarda come Forca di Penne (Capestrano) e la torre di Bussi sul Tirino.

Il declino della transumanza e la nuova faccia del Tratturo

Con l’abolizione del feudalesimo nel 1806 da parte di Giuseppe Bonaparte e il processo di industrializzazione del XX secolo, la transumanza aquilana andò scemando, e il sentiero Magno cominciò a essere sempre meno frequentato fino ad arrivare, nel 2008, alla realizzazione di un progetto culturale chiamato “Le Vie del Tratturo”, in cui escursionisti e pastori si riuniscono in un determinato periodo dell’anno per camminare sulle antiche vie del corridoio verde. Nel 2006 è stata avanzata la candidatura delle vie dei tratturi all’UNESCO come patrimonio dell’umanità.

Molte associazioni e realtà culturali locali cercano di salvaguardare questo percorso naturale, testimonianza culturale e storica del nostro meridione, con l’obiettivo di non dimenticare il punto di partenza della nostra società e la quanta strada è stata fatta nel corso dei secoli.

Foto: Tratturo Magno


Data:

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità

Eventi e sagre

Ricette pugliesi

Notizie rilevanti

Promo Aziende

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia