News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » Trapianto di microbiota fecale, in Puglia il primo del Sud Italia

Trapianto di microbiota fecale, in Puglia il primo del Sud Italia

“Ad essere sottoposta all'intervento una donna di 62 anni.”
Trapianto di microbiota fecale, in Puglia il primo del Sud Italia

Nei giorni scorsi una donna di 62 anni di Foggia, nell’ambito di uno studio clinico controllato, ha beneficiato del primo trapianto di microbiota fecale (FMT) eseguito nel Sud Italia. Tale procedura è stata effettuata presso l’Unità di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

Il microbiota intestinale umano, spesso impropriamente definito come flora batterica intestinale, è una comunità di batteri, funghi e protozoi che risiedono nel nostro organismo in condizioni di simbiosi e che, in condizioni di equilibrio (“eubiosi”) svolge diverse funzioniostacola la colonizzazione di agenti patogeni esterni; partecipa al metabolismo attraverso la digestione di zuccheri complessi; contribuisce allo sviluppo del sistema immunitarioinfluisce sulla motilità intestinale; modifica l’efficacia e la tossicità dei farmaci assunti.

Negli ultimi anni un numero sempre crescente di malattie sono state collegate alla “disbiosi”, ovvero ad un’alterazione della composizione e delle funzioni del microbiota intestinale che, a causa di fattori ambientali, come ad esempio l’uso di antibiotici, è soggetto ad un impoverimento della ricchezza e della diversità microbica. Con l’avvento di tecniche molecolari avanzate e di analisi sempre più sofisticate, già da qualche anno si è in grado di caratterizzare nel dettaglio la componente batterica del microbiota intestinale ottenendo dati che ci consentono di stabilire se il microbiota è “sano” (eubiosi) o “malato” (disbiosi).

Di pari passo sono iniziati studi con l’intento di modulare il microbiota intestinale per ristabilire l’eubiosi in condizioni accertate di disbiosi intestinale. L’attenzione dei ricercatori e dei clinici si è focalizzata sul trapianto fecale di microbiota (FMT, in inglese Faecal Microbiota Transplantation), una tecnica innovativa che consiste nel trapianto di feci da un donatore sano ad un ricevente malato con lo scopo di trattare una malattia associata ad un’alterazione del microbiota.

Qual è il caso specifico della donna

«La donna che ha ricevuto il trapianto di microbiota ‒ spiega Giuseppe Biscaglia, medico dell’Unità di Gastroenterologia dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza ‒ aveva sviluppato, a seguito di un trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche eseguito presso l’Unità di Terapia Intensiva Ematologica e Terapie Cellulari, una complicanza nota come GVHD, Graft Versus Host Disease, o malattia acuta da rigetto, causata da una reazione immunologica delle cellule del donatore nei confronti dei tessuti del ricevente. In particolare la donna lamentava da mesi episodi ricorrenti di diarrea, gonfiori e dolori addominali molto debilitanti ed alcuni esami avevano evidenziato un’alterazione a carico dell’intestino. La paziente era stata già sottoposta ad altre terapie che tuttavia non si erano dimostrate efficaci. Diversi studi hanno dimostrato che in pazienti con GVHD si ha un marcato squilibrio del microbiota intestinale dovuto anche alle pesanti terapie affrontate. Abbiamo pertanto pensato ‒ conclude Biscaglia ‒ di inserire questa paziente in uno studio clinico controllato in corso presso il nostro Ospedale con lo scopo di correggere tale squilibrio col trapianto di microbiota da donatore sano».

Esistono ormai numerose evidenze sull’efficacia del trapianto fecale di microbiota, che diventa un’arma utilizzabile quando altri approcci non sembrano funzionare. Ad esempio, nei casi di infezione ricorrente da Clostridioides difficile (rCDI), una condizione patologica molto seria causata dall’uso prolungato o inappropriato di antibiotici, l’efficacia della procedura ha superato il 90% dei casi. Inoltre, è un trattamento che inizia ad essere utilizzato, in casi selezionati, anche in pazienti con malattie infiammatorie croniche intestinaliencefalopatia epatica e sindrome dell’intestino irritabile.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento