News Brindisi

Home » Notizie Puglia » News Brindisi » Torre Guaceto, Guardia di Finanza salva una tartaruga

Torre Guaceto, Guardia di Finanza salva una tartaruga

“La Caretta caretta era finita alla deriva nel territorio di Casalabate.”
Torre Guaceto, Guardia di Finanza salva una tartaruga

È una storia a lieto fine quella di un esemplare di Caretta caretta finita alla deriva nel territorio di Torre Guaceto e messa in salvo dagli uomini della sezione operativa navale della Guardia di Finanza di Brindisi.

La tartaruga, alla deriva, è stata poi affidata alle cure del centro recupero tartarughe marine della Riserva Naturale lo scorso 12 novembre, quando i militari erano in servizio lungo la costa sud.

Durante la navigazione, gli uomini hanno notato qualcosa di largo, a circa 3 miglia marine, nell’area di pertinenza di Casalabate. Quando si sono avvicinati, hanno poi scoperto che si trattasse di una tartaruga in difficoltà e hanno subito provveduto all’attivazione della macchina dei soccorsi.

Una volta recuperata la Caretta caretta, i finanzieri l’hanno caricata sul proprio mezzo navale e solo a quel punto hanno chiesto l’intervento del personale di Consorzio di Gestione di Torre Guaceto.

Tartaruga alla deriva, attivate le cure

Raggiunti i militari alla base navale, gli operatori hanno ricoverato l’esemplare nel centro recupero tartarughe marine della riserva. Dopo un primo controllo, le condizioni della Caretta caretta sono risultate stabili: l’animale ha reagito agli stimoli, nonostante abbia presentato un elemento tristemente comune, ovvero una lenza fuoriuscita dalla bocca.

Una volta accertate le sue condizioni di salute, la tartaruga è stata messa in vasca per poi essere sottoposta ad accertamenti approfonditi ad opera degli specialisti della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Bari, ente convenzionato con il Consorzio.

La Caretta caretta dovrà ora essere sottoposta a un intervento chirurgico per essere liberata dal groviglio infernale, l’auspicio è che l’amo non abbia provocato eccessivi danni ai suoi organi interni.

L’esemplare, intanto, ha ricevuto tutte le cure del caso: pesa appena 6 chili ed è tanto giovane che ancora non è possibile stabilirne il sesso.

Il presidente del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, Corrado Tarantino, ha commentato la vicenda ricordando come gli uomini della Guardia di Finanza di Brindisi siano sempre al loro fianco, fermando tanti pescatori di frodo che avevano intenzione di danneggiare la riserva, oltre che a provvedere al salvataggio di numerosi animali.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento