News Taranto

Home » Puglia Notizie » News Taranto » Taranto, a breve cura contro i linfomi con la terapia Car-T

Taranto, a breve cura contro i linfomi con la terapia Car-T

“Questa terapia consente di riacquistare una nuova speranza di cura nei pazienti affetti da tumore.”
Taranto, a breve cura contro i linfomi con la terapia Car-T

A breve i pazienti della Asl di Taranto potranno usufruire della prima terapia a base di cellule Car-T (Chimeric Antigen Receptor T-cell), una delle ultime strategie di lotta ai linfomi.

A darne l’annuncio, dopo la conferma dell’Agenzia Italiana del Farmaco Aifa, la stessa azienda sanitaria della Città dei Due Mari, che attraverso una nota ha stabilito che entro fine mese sarà resa pubblica la lista dei centri in Italia che potranno usufruire di questa terapia, ora diventata rimborsabile.

A quanto pare, l’Asl di Tarano ha tutti i requisiti richiesti dall’Aifa, motivo per il quale si spera che in poco tempo i primi pazienti potranno beneficiare della terapia di ultimissima generazione.

Il commento dell’Asl di Taranto

Soddisfatto di questo risultato, il direttore generale dell’Asl di Taranto, Stefano Rossi, ha commentato che, in seguito all’approvazione del consiglio di Aifa, si è concluso l’iter procedurale che garantisce l’accesso a tutte queste nuove terapie salvavita.

Il reparto di Ematologia dell’ospedale Moscati di Taranto, infatti, è uno dei principali centri del territorio ad essere specializzato in onco-ematologia, e come tutti i centri abilitati è dotata della certificazione del Centro nazionale trapianti, dell’accreditamento Jacie per il trapianto allogenico che comprende di tre unità, rispettivamente clinica, di raccolta e di processione, oltre che della disponibilità di una serie di infrastrutture come il reparto di rianimazione e della terapia intensiva. Questi ultimi, come sottolineato da Rossi, sono sufficientemente attrezzati per eventuali emergenze che potrebbero verificarsi alla presenza di un team multidisciplinare sufficientemente preparato per la gestione clinica del paziente.

In cosa consistono le terapie Car-T

L’ultima terapia, quella Car-T, appunto, offrono l’accesso per tutti quei pazienti che hanno esaurito qualsiasi opzione terapeutica e che, grazie all’ultimissima innovazione, potrebbero riacquistare una nuova speranza di cura.

Questa strategia immunoterapica è costituita da una terapia cellulare basata su alcune cellule vive del paziente come ad esempio i globuli bianchi del sistema immunitario o i linfociti T, che vengono prelevate, modificate geneticamente e poi reintrodotte nel soggetto. Questo meccanismo dovrebbe consentire di potenziare lo stesso sistema immunitario contro il tumore.

Come sottolineato dall’Asl, al momento queste terapie sono utilizzate nei pazienti adulti con linfoma diffuso a grandi cellule B resistenti ad altre terapie o nei quali la malattia sia ricomparsa dopo una risposta ai trattamenti standard (chemioterapia e/o radioterapia) e per pazienti fino a 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta a cellule B.


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia