News Taranto

Home » Puglia Notizie » News Taranto » Taranto, stroncato l’entusiasmo sulla statuetta di Afrodite

Taranto, stroncato l’entusiasmo sulla statuetta di Afrodite

Taranto, stroncato l’entusiasmo sulla statuetta di Afrodite

“Nessun particolare interesse archeologico”. Con queste parole Maria Piccarreta, soprintendente archeologico per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, ha stroncato ieri sul nascere l’entusiasmo per il ritrovamento nelle acque di capo San Vito, a Taranto, di una statuetta raffigurante l’Afrodite che si allaccia il sandalo, che aveva portato il sindaco, Ippazio Stefano, a convocare una conferenza stampa il 26 gennaio scorso per presentare quella che era stata definita come una eccezionale scoperta archeologica. I fatti risalivano a circa due settimane fa, quando un tennista professionista di Martina Franca, Luca Dinoi, alla sua quarta esperienza di pesca subacquea, aveva rinvenuto la statuetta bronzea alta 80 centimetri e raffigurante una donna, probabilmente la dea Afrodite, che si deterge il piede sinistro.

Dalla Soprintendenza un diniego all’autenticità del manufatto

“Ho mostrato la statua a due archeologi e un terzo archeologo della sovrintendenza è arrivato da Bari. Dicono che si tratta di un reperto del quarto secolo avanti Cristo. Seguiranno accertamenti più precisi. Vogliamo che la statua resti a Taranto” aveva subito precisato il primo cittadino di Taranto, dando luce alla rilevanza del ritrovamento: per la Soprintendenza, però, si tratta di una mera riproduzione. “Non si registra minimamente la presenza di incrostazioni marine, di macchie e di ossidazioni del metallo compatibili con una presunta plurimillenaria giacitura sui fondali-spiega l’esperta- se la statuetta – che stando ai primi rilievi risalirebbe a 25mila anni fa – è rimasta per molto tempo sott’acqua, avrebbe dovuto avere oggi segni ben diversi da quelli che presenta”. Ora sarà tempo di realizzare ulteriori approfondimenti diagnostici sul materiale utilizzato e sulle caratteristiche tecniche. Il manufatto è temporaneamente custodito nel Convento di Sant’Antonio.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia