Ricetta: Taralli pugliesi
Rosticceria pugliese

Home » Ricette Pugliesi » Rosticceria pugliese » Taralli pugliesi: la ricetta originale delle nonne

Taralli pugliesi: la ricetta originale delle nonne

Taralli pugliesi
Taralli pugliesi
Porzioni
6 persone
Difficoltà
facile
Costo
basso
Calorie (per porz.)
516 calorie
Grassi (per porz.)
26 grammi
Preparazione
1 ora
Cottura
30 minuti
Tempo totale
1 ora e 30 minuti
presentazione ricetta

Presentazione

Immancabili sulle tavole pugliesi i taralli pugliesi o scaldatelli pugliesi sono un ottimo aperitivo accompagnati magari da un bicchiere di vino rosso o uno snack per una pausa sfiziosa in ufficio. Molto apprezzato è anche il loro accostamento con salumi e formaggi.

Tipici della tradizione gastronomica regionale, tutt’ora la ricetta più apprezzata è proprio quella casalinga. Fatti a mano dalle nonne con ingredienti semplici, i taralli possono essere aromatizzati a proprio piacimento in base a gusti o desideri di sperimentazioni: cipolla, peperoncino, olive, semi di finocchio, di zucca, di papavero, pomodori secchi e molto altro. Le varianti possibili sono tantissime.

L’importante per ottenere un buon risultato è seguire passo dopo passo quanto suggerito nella ricetta originale dei taralli pugliesi fatti in casa. La preparazione è semplice, ma ovviamente la vostra manualità nella realizzazione degli stessi aumenterà facendo esperienza.

ingredienti ricetta

Ingredienti per la ricetta

  • 500 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 150 ml di olio extra vergine d’oliva
  • 125 ml di vino bianco secco
  • sale q.b.
  • semi di finocchio o altre spezie a piacimento
preparazione ricetta

Preparazione Taralli pugliesi


  • Create una fontanella disponendo la farina di tipo 00 sul piano di lavoro.
  • Nel centro della fontana versate acqua, olio, vino e un pizzico di sale. Eventualmente aggiungete gli altri ingredienti che avete selezionato per aromatizzare i vostri taralli.
  • Impastate per bene andando ad ottenere un composto del tutto omogeneo.
  • Dividete l’impasto in porzioni andando a formare dei cordoncini che taglierete a distanza di circa 6-8 cm.
  • Prendete le estremità, unitele e formate un anello.
  • Iniziate a preparare il forno scaldandolo a 200°.
  • Separatamente fate bollire dell’acqua salata e versateci dentro i taralli, pochi per volta, estraendoli nel momento in cui salgono a galla.
  • Successivamente, dopo quest’operazione disponeteli su un canovaccio ad asciugare e poi passate in forno dopo averli disposti su una teglia oleata.
  • Lasciate cuocere per circa 45 minuti (in forno preriscaldato a 170 gradi), sino a quando non saranno dorati.

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.

34 commenti su “Taralli pugliesi: la ricetta originale delle nonne

  1. Sabina ha scritto:

    Consigio fondamentale dato da una signora pugliese che li fa spesso: l‘intervallo di tempo fra la sbollitura e l‘infornata deve essere lungo!!! Lei li lascia ad asciugare tutta la notte! Cio‘ contribuisce alla friabilita‘.

  2. noemi ha scritto:

    cara signora credo che le abbia sbagliato la dose del vino,non è 50ml,maè 200ml rettifiche perchè non viene bene grazie

    1. Sonia Tondolo ha scritto:

      Gentile Noemi,
      grazie per la segnalazione! Abbiamo modificato 🙂

  3. Loredana Bozza ha scritto:

    Salve,
    Il forno va utilizzato in versione statica o ventilata?
    Grazie

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Loredana, consigliamo la cottura in forno statico

  4. Guescio3 ha scritto:

    La temperatura del forno?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Si consiglia di cuocere i taralli in forno preriscaldato a 170 gradi 🙂

  5. Luigi ha scritto:

    Alla fine.il vino.e 125 ml?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Luigi,
      sì, la quantità del vino è di 125 ml:)

  6. Mariella ha scritto:

    Non ho ben capito la quantità di olio da utilizzare. L’acqua poi va mescolata con l’olio? Quanto sale più o meno?avete altri consigli da dare?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Mariella,
      la quantità di olio necessaria per 6 porzioni è di 150ml. Con l’olio non devi mescolare l’acqua perché nell’acqua devi versare i taralli 🙂 Non possiamo suggerirti una quantità di sale in quanto si tratta di gusto soggettivo 🙂

  7. Mariella ha scritto:

    Grazie mille per la risposta.

  8. Grazia del vecchio ha scritto:

    Scusate ma 100ml di acqua serve nell’impasto

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Grazia,
      sì, l’acqua serve nell’impasto 🙂

  9. Milena ha scritto:

    Posso mettere il vino rosso al posto del bianco secco?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Milena,
      sì puoi utilizzarlo 🙂 Il gusto è soggettivo 🙂

  10. Silvia ha scritto:

    Come mai occorre preriscaldare il forno a 200 se poi vanno cotti a 170 gradi?

  11. Patrizia Merlini ha scritto:

    Fatti e venuti ottimi…ma è meglio il forno statico o ventilato?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Ciao Patrizia, consigliamo la cottura in forno statico

  12. Cristina ha scritto:

    Ciao!!! Grazie per questa ricetta proverò a farla!!! Una domanda.. Ma il lievito non serve???

  13. Emanuela ha scritto:

    Ho fatto i taralli e ho provato la variante vodka e pepe nero al posto del vino e sono squisiti

  14. Maria Lombardo ha scritto:

    A che altezza,del forno bisogna mettere a cuocere i taralli?Scrivete la temperatura ma mai il ripiano

  15. Michele Araci ha scritto:

    Sono venuti duri perchè?

  16. Donatella ha scritto:

    Li ho appena fatti bolliti quanto tempo devo aspettare per infornarli?

  17. di Matteo Maria Luisa ha scritto:

    dopo la bollitura se si lasciano tutta la notte ad asciugare e poi si mettono in forno la mattina dopo vengono piu morbidi

  18. Grazia Rocco ha scritto:

    Puglia.com ho fatto tutto come la ricetta perché sono venuti durissimi ho sbagliato qualcosa??grazie

  19. Ile ha scritto:

    Ciao! Con cosa posso sotituire il vino?

  20. Valentina ha scritto:

    Buona sera. Se li lascio ad asciugare tutta la notte sullo strofinaccio , il giorno dopo si staccano? Perchè io li feci tempo fà e li misi ad asciugare sopra ad una rete dove metto anche la pasta fresca , ma essendo a quadretti i taralli son venuti tutti segnati , apparte che la rete è rimasta con impasto di taralli appiccicosa e non semplice da lavare date la misura 1mt per 2mt.

  21. Giulia ha scritto:

    Grazie per la ricetta!
    Se volessi inserire della cipolla, come andrebbe preparata?

  22. Claudio ha scritto:

    Buongiorno vorrei sapere se è possibile sostituire il vino con della birra.

  23. Armando ha scritto:

    Nell’impasto ci va messo il lievito?

    1. Puglia.com ha scritto:

      Salve Armando,
      no, non va messo.

  24. Valentina ha scritto:

    è la prima volta che leggo di aggiungere acqua nell impasto dei taralli pugliese io essendo barese doc e cresciuto mangiando taralli fatti in casa io personalmente seguo la ricetta di mia nonna nonché quella di mia madre
    x ogni kg di farina 00 aggiungo 300 ml di olio extra vergine di oliva 400 ml di vino bianco secco 2 cucchiaini di sale fino dopo la bollitura in acqua salata faccio asciugare x circa 5 ore e poi in forno statico a 170 gradi x circa 45 minuti

  25. Raffaella ha scritto:

    Ho provato la ricetta ma…. sono rimasti morbidi dentro… cosa ho sbagliato??? Ho seguito sia la ricetta sia il provedimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento