News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » Sciabola, foggiana Criscio vince argento alla Coppa del Mondo

Sciabola, foggiana Criscio vince argento alla Coppa del Mondo

“Il quartetto è composto da Martina Criscio, Michela Battiston, Rossella Gregorio e Irene Vecchi.”
Sciabola, foggiana Criscio vince argento alla Coppa del Mondo

La foggiana Martina Criscio e la sua collega Michela Battiston hanno conquistato il secondo posto della tappa ungherese di Coppa del Mondo di sciabola, segnando così il primo podio del 2021 tutto italiano.

La vittoria, arrivata in concomitanza con la ripresa dell’attività agonistica internazionale e alla conclusione della fase di qualificazione olimpica a Tokyo2020 ha permesso alla foggiana Martina di confermarsi come grande campionessa dello Stivale.

Scopri di più su: Martina Criscio, medaglia di bronzo per la foggiana

Coppa del Mondo Budapest, il team italiano

Fermata solamente in finale (e all’ultima stoccata) dalla Polonia, la formazione guidata dal CT Giovanni Sirovich è stata composta dal quartetto azzurro, dove erano presenti, oltre a Martina Criscio, la friulana trapiantata a Foggia Michele Battiston, Rossella Gregorio e Irene Vecchi.

Il cammino del quartetto azzurro è iniziato agli ottavi di finale con la netta vittoria per 45-26 contro l’Azerbaijan con il netto punteggio di 45-26. Successivamente le sciabolatrici italiane hanno superato le padrone di casa dell’Ungheria con lo score di 45-39. In semifinale è giunta poi la sfida contro la Francia, conclusa con il punteggio di 45-43 al termine di una lunga rimonta. Grazie al secondo posto ottenuto sulle pedane magiare, l’Italia conclude la fase di qualificazione da numero 2 del ranking mondiale. 

Soddisfazione per il risultato è stato espresso dalla stessa Martina, che, intervistata, si è dichiarata molto contenta per il risultato della gara poiché il team ha dimostrato di essere, ancora una volta, completo e compatto. «Grandi le vittorie – ha concluso – negli assalti con Francia e Ungheria: l’esito della gara ci dà stimoli per fare ancora meglio per cercare di diventare le numero uno e puntare in alto a Tokyo. Personalmente mi resta un po’ di amaro in bocca per la finale perché non ho espresso la mia scherma al meglio e avrei potuto lasciare un po’ di vantaggio alle mie compagne. Ma ora la testa è focalizzata sui Campionati Europei di giugno e bisognerà lavorare sodo».


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento