Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Conosci i sapori e le ricette della Puglia d’inverno? Scopriamoli insieme

Conosci i sapori e le ricette della Puglia d’inverno? Scopriamoli insieme

Conosci i sapori e le ricette della Puglia d’inverno? Scopriamoli insieme

Il concetto di turismo è da sempre legato all’immagine dei monumenti. Visite guidate, culture nuove ed esotiche, chiese e musei tra una pausa relax e l’altra. Ma sempre più si sta diffondendo il viaggio da tavola, lo scoprire piatti particolari e lo spostarsi con l’intento di assaggiare pietanze nuove e di rara collocazione, assaporare ricette originali. Una ragione per un viaggio, o anche un’ottima ragione in più per giungere in località mai viste prima.

Ma quali sorprese può riservare la Puglia in inverno, per gli avventori? Innanzitutto, si deve uscire dai normali schemi della regione da turismo estivo. Anzi, come sottolineano i più esperti, quando si giunge in Puglia d’inverno si scopre una nuova patria, lontana dall’immaginario collettivo, dove certo, il mare è freddo, ma si avrà modo di scoprire ricette e piatti più gustosi, negozi economici e viste particolari.

E quali sarebbero questi piatti da scoprire? È col freddo che le immense campagne verdi del tacco d’Italia offrono le loro verdure più particolari, come cime di rapa, verze, finocchi ed altro. Quindi, come non pensare ad un primo a base di cime di rapa, saltate in padella oppure con la pasta, accompagnate nel loro condimento dall’olio del tavoliere, che possiede un sapore levigato e dolce tipico della regione? Solitamente la pasta scelta per l’occasione sono le orecchiette, spesso realizzate a mano che devono il loro nome alla forma tradizionale, simile a quella di piccole orecchie. Queste specialità nostrane possono tranquillamente essere affiancate da un piatto di purè di fave e cicorie, una combinazione inedita dal sapore leggero ma con un retrogusto pungente. In entrambi i casi la preparazione è semplicissima e non richiede più degli ingredienti base per realizzarli, se non i condimenti a scelta dal commensale. È consigliato il peperoncino per risaltarne il sapore.

A gennaio si colgono anche ottime patate, utili per preparare la famosa tiella, conosciuta anche col nome di patate, riso e cozze. Un piatto preparato al forno in un adeguato contenitore dove a strati di patate si alternano strati di riso intervallati dalla presenza di cozze, amalgamate da spezie come pepe e peperoncino, olio, aglio e cipolla. Un piatto spesso simbolo del territorio del barese che ben ne rappresenta i contrasti tipici, un ingrediente come il riso che si combina con un simbolo della terra, la patata, e quel che più rappresenta il mare nel nostro territorio, la cozza, con il risultato di evidenziare i tre sapori così come l’insieme delle parti che costituiscono la Puglia risultano evidenziate dal loro complesso.

Il tutto può essere accompagnato da un ottimo vino presente in una grandissima varietà sul territorio pugliese. Poiché esistono ben 25 di questi classificati come doc sul territorio regionale e per riscaldarsi ogni pugliese spesso non desidera altro, come secondo, che un bel ragù di carne con salsa di pomodoro, tanto buono che viene spesso utilizzato come condimento per un primo inebriante.
E per chiudere i pasti, come dolci, le cartellate sono d’obbligo. Nastri di sfoglia con olio, farina e vino, affogati e fritti in olio di semi di arachidi e cosparsi di vincotto di vino o fichi, un sapore particolare ed introvabile altrove. Prima di salutarci ed alzarci da tavola, non può mancare una buona tazza di caffè leccese, allungato con del dolce latte alle mandorle.
Dimenticate la dieta.

Al di là della stagione, i piatti in Puglia sono un’esperienza da provare, poiché chi ci viene piange due volte, quando va via e quando si pesa.


Data:



Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia