Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Santa Maria degli Angeli e il ritrovamento nella sua grotta

Santa Maria degli Angeli e il ritrovamento nella sua grotta

“L'edificio racchiude al suo interno una storia tutta da conoscere.”
Santa Maria degli Angeli e il ritrovamento nella sua grotta

A poco meno di 1 chilometro da Cassano delle Murge è presente il complesso monastico di Santa Maria degli Angeli e il suo convento, tutt’ora gestito dai Padri Agostiniani, una struttura appartenente al XXIII secolo che si erge ancora in tutto il suo splendore.

Perché è stato costruito l’edificio

La tradizione vuole che si sia deciso di costruire un edificio religioso in seguito ad una visione che ha permesso a un sacerdote di Cassano di scoprire un affresco presente all’interno della grotta della Madonna degli Angeli, probabilmente lì nascosto durante il periodo delle persecuzioni di Leone III.

Il ritrovamento dell’affresco

Dopo l’incredibile ritrovamento, quindi, fu deciso di edificare un piccolo luogo di culto per omaggiare la Santa, erigendo insieme alla chiesa anche alcune celle per ospitare i Francescani Minori dell’Osservanza, poi sostituiti nel 1598 dagli Alcantarini.

Bisognerà aspettare il 29 maggio del 1469 per la costruzione dell’attuale convento, autorizzato dalla Bolla di Papa Paolo II e realizzato grazie alle donazioni dei cassanesi Bartolomeo Cimbrone e Don Domenico De Consulibus ai cui fondi sono stati uniti quelli del feudatario di Cassano, Giulio Antonio Orsini-Acquaviva.

Storia della grotta sottostante

In seguito alla costruzione della struttura, numerosi ritrovamenti storici hanno fatto pensare che la grotta sia stata pian piano abbandonata, fino a diventare una cisterna d’acqua. Tra la gente del posto, inoltre, si credeva la presenza dell’affresco frutto di una leggenda: i fedeli di Cassano delle Murge veneravano sì la Madonna degli Angeli ma in una sua riproduzione in una statua in legno. È stato solamente nel 1829 che si è provveduto alla realizzazione di un altro simulacro, tutt’ora presente.

La triplice visione

Il ritorno in auge della grotta è avvenuto il 19 maggio 1855, quando due donne e un sacerdote raccontarono che la Vergine degli Angeli fosse apparsa loro in sogno, motivo per il quale si decise di indagare fino all’incredibile ritrovamento, festeggiato il giorno successivo.

I festeggiamenti in onore della Madonna degli Angeli

A partire da quel momento in poi, i cassanesi ogni terza domenica di maggio omaggiano e celebrano il ritrovamento della Madonna con grandi festeggiamenti, in dialetto locali chiamati come Madonn d’ Basce, una folcloristica tradizione che vede il quadro di Felice Colonna Madonna della Grotta portato in processione e accompagnato da carri allestiti a festa, carichi di ‘panedd’.

Foto del Comune di Cassano delle Murge.


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia