Puglia Blog

Home » Puglia Blog » San Cataldo, in Puglia la storia riaffiora con il Molo di Adriano

San Cataldo, in Puglia la storia riaffiora con il Molo di Adriano

“Gli antichi resti sono in bella vista tra le acque del Salento.”
San Cataldo, in Puglia la storia riaffiora con il Molo di Adriano

Nella spiaggia lambita dal mare cristallino di San Cataldo, una località del Salento a pochi chilometri da Lecce, si può ammirare un importante reperto appartenente al passato, il Molo di Adriano.

Scopri di più su: Lecce e le spiagge vicine, da Torre Rinalda a San Cataldo

Questo sito, considerato uno dei monumenti più importanti dell’epoca romana della provincia di Lecce, era utilizzato come punto di arrivo e di partenza di merci e persone ed era molto probabilmente ben collegato con l’antica Lupiae. Ma qual è la storia di questa affascinante struttura passata e troppo spesso dimenticata?

Molo di Adriano di San Cataldo, qual è la sua storia

San Cataldo è l’unico tratto sulla costa pugliese ad essersi conservato in così buone condizioni. Si vedono i cinquanta metri di struttura muraria che hanno resistito al passare del tempo, all’erosione costiera e agli atti di vandalismo. Il luogo divenne approdo di pellegrini e punto di commercio per l’olio locale. Insomma un punto focale di grande rilevanza politica e commerciale, uno sguardo sulla storia del tutto privilegiato in Puglia.

Il Molo prende il nome da Adriano, il celebre imperatore della storia romana, colui che regnò dopo Traiano, il conquistatore, mantenendo le sue terre, tranne la Mesopotamia. Adriano si rese celebre soprattutto per la sua propensione alle arti e alla cultura, che sostenne con opere grandiose. La politica adrianea volta alla tolleranza, anche nei confronti degli schiavi ai quali furono alleggerite le condizioni di schiavitù, ricorda un momento di splendore dell’arte e della filosofia. Il molo presente nelle acque al largo di San Cataldo si caratterizza dunque come una delle opere da lui fortemente volute.

Sebbene non si sappia con certezza la data esatta in cui fu fatto costruire questa struttura, ciò che è certo è che il porto fosse già esistente nel II secolo d. C. e che fu percorso da Ottaviano.

San Cataldo e il Molo di Adriano che emerge dal mare

Negli scatti aerei di Emiliano Peluso è possibile ammirare il sito archeologico in tutta la sua bellezza, con i resti dell’antico splendore romano in bella vista sulle acque cristalline del Salento. In parallelo nei pressi dei resti del molo, è stata realizzata una passerella con panchine per consentire agli amanti della storia di ammirare e godere delle bellezze del territorio. I lavori sono stati condotti dalla soprintendenza archeologica di Puglia in collaborazione con l’Università del Salento e delle associazioni Insynchlab, LabTaf e Tour Up ‘n Down.

Gli scatti


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento