News Lecce

Home » Puglia Notizie » News Lecce » SAC Salento, accordo per la promozione delle civiltà messapiche

SAC Salento, accordo per la promozione delle civiltà messapiche

SAC Salento, accordo per la promozione delle civiltà messapiche

Coordinare attività volte alla valorizzazione e alla promozione delle testimonianze archeologiche delle civiltà messapiche: queste le basi dell’accordo sottoscritto a Vaste di Poggiardo, provincia di Lecce, da 15 amministratori comunali salentini alla presenza dell’assessore all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, Loredana Capone. Obiettivi comuni e un territorio da difendere e diffondere: le attività saranno svolte in maniera coordinata “per valorizzare -il commento della Capone- un enorme patrimonio archeologico di un popolo che ha lasciato mura mastodontiche, costruzioni possenti, affreschi, tombe e ogni genere di reperti”.

15 comuni aderenti. La Capone: “Occorrono strategie comuni di azione”

Il SAC delle Serre salentine è uno dei Sistemi Ambientali e Culturali della Regione Puglia. Al SAC delle Serre Salentine aderiscono la Provincia di Lecce ed i Comuni di Poggiardo, Botrugno, Cursi, Maglie, Miggiano, Minervino di Lecce, Montesano Salentino, Nociglia, Ruffano, San Cassiano, Sanarica, Scorrano, Specchia, Spongano, Supersano e Surano. “I SAC – ha aggiunto la Capone –hanno contribuito a far mettere in piedi dai Sindaci dei Comuni, spesso con la preziosa collaborazione dell’università e della sovrintendenza, strategie comuni di azione al fine di avere una regia condivisa di promozione e tentare di integrare le azioni di valorizzazione. Adesso dobbiamo lavorare tutti insieme a un ulteriore fondamentale passo: coinvolgere il privato. Fare emergere, con trasparenti bandi per la gestione e fruizione dei beni culturali, imprese culturali e creative che diano occupazione ai tanti professionisti del settore. I fondi europei sono inclusi in questa strategia di rapporto proficuo pubblico/privato. Per accedervi non basterà presentare un progetto di restauro o conservazione di uno o più beni ma occorrerà un congruo progetto di valorizzazione, di gestione e fruizione di quei beni. E se il territorio, come si è fatto con la buona prassi di oggi, lavora e progetta insieme su un prodotto culturale omogeneo, sarà anche più facile promuoverlo e organizzare itinerari turistici, utilizzare servizi innovativi e applicazioni tecnologiche”.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia