News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Castellana, 1ª risonanza magnetica 3 Tesla della sanità pubblica pugliese

Castellana, 1ª risonanza magnetica 3 Tesla della sanità pubblica pugliese

“Il nuovo strumento permette diagnosi molto più accurate in un minor tempo di esecuzione.”
Castellana, 1ª risonanza magnetica 3 Tesla della sanità pubblica pugliese

L’Irccs de Bellis di Castellana Grotta è il primo ospedale pubblico in Puglia ad avere la risonanza magnetica 3 Tesla.

Questo macchinario di ultima generazione, infatti, era fino ad ora presente solamente nel settore privato ed è uno strumento che permette diagnosi molto più accurate in un minor tempo di esecuzione, per un maggior numero di esami nella stessa giornate.

Il nuovo fiore all’occhiello del de Bellis, dunque, permette al nosocomio pugliese un notevole passo in avanti nel campo dell’ammodernamento tecnologico: l’ultimo modello di risonanza magnetica sul mercato, dal nome 3 Tesla, consentirà uno smaltimento delle liste di attesa e una maggiore esattezza dei risultati.

Nuova risonanza magnetica, più qualità e quantità

 “Questo nuova generazione di risonanza magnetica – ha spiegato il direttore generale Tommaso Stallone – ci permetterà di raddoppiare la qualità e la quantità delle prestazioni, consentendo una maggiore precisione nella diagnostica, fondamentale nella lotta ai tumori. Fra qualche giorno attiveremo le prestazioni anche per i pazienti esterni riducendo così le liste di attesa. È un bel risultato per il de Bellis e soprattutto per i cittadini e per i pazienti che verranno a curarsi”.

Il suo acquisto, finanziato con i fondi europei Azione 9.12 POR Puglia 2014-2020 rientra nell’intervento di “Potenziamento di diagnostica per immagini”.

 “L’installazione della nuova risonanza magnetica – ha commentato il direttore sanitario Roberto Di Paola – costituisce un ulteriore passo avanti nel processo di ammodernamento tecnologico di alto livello che la Regione Puglia sta portando avanti al de Bellis. Passare a una risonanza di ultima generazione con un campo magnetico due volte superiore rispetto alle macchine di 1,5 Tesla presenti sul territorio, consente di incrementare l’accuratezza diagnostica degli esami effettuati, ma anche di supportare il percorso di diagnosi e follow up del paziente oncologico attraverso esami più dettagliati e più rapidi: e l’aumento di velocità di esecuzione dell’esame consente un aumento del numero esami che si possono effettuare nell’unità di tempo. Infine, rispetto alle apparecchiature tradizionali RM a configurazione chiusa, la tecnologia fully digital e l’accesso più confortevole per il paziente di cui è dotata la nuova RM 3 Tesla permette di ridurre il senso di costrizione durante l’esame”.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento