News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Nunzia, grande successo delle sue orecchiette al “The New York Times – Travel Show”

Nunzia, grande successo delle sue orecchiette al “The New York Times – Travel Show”

“La signora Nunzia ha mostrato come realizzare le orecchiette alla star statunitense Lidia Bastianich.”
Nunzia, grande successo delle sue orecchiette al “The New York Times – Travel Show”

Che il The New York Times apprezzi la Puglia non è di certo una novità. Dopo aver inserito la regione tra le 52 destinazioni da non perdere di tutto il 2019, il quotidiano statunitense è tornato a mostrare il suo interesse per la città di Bari e, in particolare, per le signore delle orecchiette.

L’ultimo capitolo di una lunga serie è presente sui canali del Travel Show del The New York Times, dove è stato pubblicato un video con una delle protagoniste della città vecchia, Nunzia Caputo, per tutti la signora Nunzia, che, ancora una volta, esalta le bellezze non solo della sua città ma di tutta la Puglia.

Le parole della signora Nunzia

“Passate parola, dovete dire che la Puglia è bella. Bari ha una bellezza indescrivibile. L’arte che sta in Puglia, a Bari, è bella assai. La Puglia è bella, venite a visitarla”. Le parole della signora Nunzia non sono casuali: la donna, con il sindaco Antonio Decaro, volerà a New York per proporre la lavorazione live delle orecchiette nello stand della Puglia al Travel Show del The New York Times, che si terrà nella Grande Mela dal 24 al 26 gennaio 2020. Dopo il riconoscimento dello scorso anno come Best New Exhibitor 2019, il Tacco d’Italia torna per il secondo anno consecutivo a mostrare le bellezze della sua regione.

Oltre alla signora delle orecchiette, la Puglia affascinerà i suoi visitatori con una doppia esibizione del tenore Aldo Caputo. Il tutto, come tipico della regione, accompagnato da alcuni prodotti pugliesi, tra i quali non mancheranno vini e prelibatezze locali.

La Puglia al Travel Show del New York Times

Come hanno ricordato sia l’assessore Loredana Capone che il sindaco Antonio Decaro, la partecipazione della Puglia all’importante evento newyorkese è un ottimo biglietto da visita per l’intera regione, che, per il mercato USA rappresenta un luogo di relax nel quale coniugare mare, itinerari turistici e culturali e proposte enogastronomiche. La presenza delle signora delle orecchiette, quindi, sarà occasione per Bari di farsi conoscere per le sue tradizioni e per la sua identità, proposte in chiave moderna e attrattiva.

Tutte queste iniziative, come dimostrato dai dati dell’Osservatorio Turistico, hanno già permesso lo scorso anno di registrare un trend in costante crescita da parte dei turisti provenienti dagli Stati Uniti, che si sono confermati come il primo mercato turistico extra-europeo della Puglia.

Cosa piace della Puglia

Basti pensare, infatti, che solamente nel 2019 ci sono stati 78,5 mila arrivi e 208 mila presenze proveniente dagli USA. Questo dato, dunque, ha permesso la conquista del quarto posto della graduatoria regionale dei mercati esteri sia per numerosità degli arrivi che per le presenze e pernottamenti. Ciò che attrae principalmente i turisti statunitensi in Puglia sono il patrimonio culturale e UNESCO, l’offerta enogastronomica, i borghi, le masserie e i paesaggi rurali e la notorietà dei prodotti e dei circuiti dell’olio e del vino.

Aggiornamento post evento

La presenza dello stand della Puglia al Travel Show del The New York Times si è confermata un successo.

La maestria della signora Nunzia è stata letteralmente presa d’assalto, tanto che anche la famosa Star Tv statunitense, Lidia Bastianich, ha con lei imparato a fare le orecchiette a mano.

Da eco all’entusiasmo dell’artista americana c’è stato anche Brad Kolodny del The New York Times che ha annunciato che proverà a fare le orecchiette a casa anche con sua moglie. Tra i tanti visitatori anche Piero Armenti de Il mio viaggio a New York.

La tre giorni dell’evento ha reso l’identità della Puglia una delle prime attrazioni, il cui livello è poi stato reso massimo con la lirica e il bel canto che ha rappresentato un importante momento di promozione attraverso la cultura regionale. Sebbene bisognerà aspettare qualche mese per poter godere dei frutti di questa partecipazione, ciò che è certo è che gli statunitensi si sono mostrati fortemente interessati al Tacco d’Italia.

video

Video


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento