Ricetta: Pomodori secchi sott’olio
Antipasti pugliesi

Home » Ricette Pugliesi » Antipasti pugliesi » Pomodori secchi sott’olio: ricetta pugliese della conserva

Pomodori secchi sott’olio: ricetta pugliese della conserva

Pomodori secchi sott’olio
Pomodori secchi sott’olio
Porzioni
4 persone
Difficoltà
media
Costo
basso
Calorie (per porz.)
532 calorie
Grassi (per porz.)
35 grammi
Preparazione
30 minuti
Cottura
15 minuti
Tempo totale
45 minuti
presentazione ricetta

Presentazione

Per la preparazione dei pomodori secchi sott’olio si scelgono frutti rossi, sodi e maturi della tipologia San Marzano.
Il prodotto finale nei barattoli di conserva ha una colorazione rosso bruno.

Per l’essiccazione i pomodori si lasciano al sole per giorni, è per questo motivo che la produzione dei pomodori secchi si effettua durante il periodo più caldo dell’anno.

La preparazione richiede tempo e attenzione nei vari passaggi, ma per il risultato finale ne vale davvero la pena.

I pomodori secchi sott’olio hanno un piacevolissimo sapore agrodolce e si utilizzano per condire piadine, pucce salentine, frise, bruschette, pizze o come contorno e antipasto in abbinamento a formaggi e verdure locali.

ingredienti ricetta

Ingredienti per la ricetta

  • 1 kg di pomodori rossi maturi del tipo San Marzano
  • sale q.b.
  • aceto di vino bianco q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • olive o capperi (facoltativo)
  • spezie a piacere (aglio e peperoncino tritati)
preparazione ricetta

Preparazione


Lavare e asciugare i pomodori rossi maturi, tagliarli in modo longitudinale in due metà senza però dividerli.

Togliere i semi e lasciare al sole, con la parte interna rivolta verso l'alto, su un graticcio (tagliere) o sui tradizionali cannizzi (basi di paglia intrecciata); per accelerare la disidratazione si spolverano di sale e si girano di tanto in tanto; la sera si ritirano in un luogo asciutto per proteggerli dall’umidità. Questa operazione si ripete per 3-4 giorni fino a che la buccia si presenta dura, raggrinzita e di colore rosso vivo.

Quando sono completamente secchi si fanno bollire in acqua e aceto di vino bianco per circa cinque minuti e poi si strizzano: si scolano e si asciugano bene con un panno; ben asciutti si dispongono nei barattoli di vetro e man mano che si formano gli strati si aggiungono aglio tritato, peperoncino, basilico (e altri aromi a piacere) e si ricoprono con l'olio.

L’ultimo strato deve essere completamente coperto di olio, perciò prima di chiudere ermeticamente il boccaccio si attende un giorno per poter rabboccare. Il fine di questa operazione è conservarli al meglio e non far ammuffire i pomodori secchi, difatti è importante anche dopo il consumo tenere sempre i pomodori coperti dall'olio, aggiungendone di volta in volta quanto basta.

Per sterilizzare i barattoli si fanno bollire 20 minuti in acqua e si fanno asciugare nel forno a 100°C per 40 minuti. I pomodori secchi si possono consumare non prima di un mese dalla produzione del barattolo e durano circa sei mesi

Riproduzione riservata © La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia