Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Pizzica salentina, il ritmo pugliese e le sue leggende

Pizzica salentina, il ritmo pugliese e le sue leggende

“Storia, origini e tradizioni di uno dei balli più apprezzati d'Italia.”
Pizzica salentina, il ritmo pugliese e le sue leggende

Colori, sapori e odori, altre parole non servono per descrivere quella che è stata, per la seconda volta, nominata la regione più bella al mondo, la Puglia. In realtà un’altra parola serve per racchiudere il tutto: la pizzica.

Nata come danza popolare attribuita in particolar modo a Taranto e a tutto il Salento, la pizzica salentina racconta decenni di tradizione e folclore nostrano. Diverse sono le canzoni di pizzica salentina divenute poi famose in tutto il mondo come simbolo culturale. Anche se considerata per molti anni come forma di arretratezza culturale di cui vergognarsi, quale modo migliore per accogliere a corte il re Ferdinando IV di Borbone se non a suon di pizzica?

Pizzica salentina, qual è la sua storia

Quello che può sembrare un modo rozzo di far festa, cela dietro il suo fazzoletto bianco un mondo da scoprire; si aprono le danze, si agita il tamburello, si sventola il fazzoletto e il gioco è fatto. La pizzica è ritmo di festa, di amicizia e di amore. La donna sventolava il suo fazzoletto bianco nell’aria e lo porgeva all’innamorato da lei prescelto. Un ballo di gruppo con passi senza pregiudizi ma all’insegna del divertimento vede schierarsi anche coppie dello stesso sesso.

Come ballare la pizzica

Quali sono i requisiti giusti per ballare la pizzica? Senso del ritmo, musica, allegria, passione ma soprattutto dei piedi non troppo delicati; insomma la pizzica va ballata a piedi nudi come senso di unione con la madre terra. Se siete dei turisti pronti a trascorrere le vostre vacanze estive in Puglia, non esitate a immergervi in questo mix esplosivo di festa e tradizione, non ve ne pentirete.

La musica della pizzica è stregata, s’insidia nel corpo e nella mente e non ti lascia andar più via. Un pizzico di fantastico da sempre è stato racchiuso in questo ballo folcloristico: in passato si pensava che dopo il morso della tarantola, si potesse guarire l’ammalato solo con musica e balli.

Com’è nata la pizzica

Da questa credenza popolare nacque la pizzica e il suo ritmo ineguagliabile. Anche l’influenza greca sul Salento gioca un ruolo importante; un ringraziamento speciale va al dio greco Dioniso, per il quale erano organizzati lunghi festeggiamenti con canti e balli, il tutto accompagnato dal buon vino.

Turisti da tutto il mondo restano affascinati dalla magia di questa terra e delle sue usanze semplici e veraci. È proprio per questo che stranisce l’idea che un semplice ballo possa generare vergogna negli occhi di chi guarda e nel cuore di chi non conosce.

Tutto questo può essere gustato nello speciale festival di musica popolare che valorizza quella salentina con l’unico requisito del requisito, durante La notte della Taranta.

Scopri di più su: Notte della Taranta, quando la musica e la storia del Salento si uniscono

Foto: La Notte della Taranta (Instagram)

video

Video


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento