Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Oasi WWF Monte Sant’Elia, affascinanti scenari naturali a Massafra

Oasi WWF Monte Sant’Elia, affascinanti scenari naturali a Massafra

“Questa località è perfetta per trascorrere alcune ore a contatto con la natura.”
Oasi WWF Monte Sant’Elia,  affascinanti scenari naturali a Massafra

All’interno del suggestivo parco Terra delle Gravine e nel SIC Area della Gravine è presente una delle sette Oasi WWF di tutta la Puglia, quella di Monte Sant’Elia.

Scopri di più su: Terra delle Gravine, parco naturale regionale unico nel cuore della Puglia

Questa zona, che si estende per poco meno di cento ettari nella località di Massafra, compre al suo interno degli affascinanti e naturali scenari, tra i quali, oltre alla tipica macchia mediterranea, spiccano i boschi di leccio, i pascoli seminativi e la presenza di una storica masseria.

Area naturale delle Murge orientali

Quest’area naturale, come già anticipato, sorge sulle Murge orientali ed è particolarmente apprezzata in quanto si affaccia sul golfo di Taranto.

Una visita al suo interno, oltre che a consentire di trascorrere una giornata a stretto contatto con la natura, è anche un ottimo pretesto per ammirare le tipiche strutture pugliesi, oltre che il suo caratteristico paesaggio. Il punto nel quale è presente l’Oasi Monte Sant’Elia permette di ammirare in pochi metri dei più caratteristici scenari pugliesi nei quali sorge. In alcuni giorni di massima visibilità, inoltre, è possibile godere di un panorama decisamente interessante che spazia dai territori tarantini ai massicci calabri del Pollino e della Sila.

Bosco e macchia mediterranea

Il bosco di leccio, esteso per circa 70 ettari, e la macchia mediterranea ospitano numerose specie di piante di notevole interesse geografico in quanto di origine balcanica o perché rare o localizzate o, ancor più, perché esclusive come l’Ophrys tarentina, orchidea selvatica endemica delle province di Taranto, Brindisi, Matera e Cosenza. L’area circostante Monte Sant’Elia rappresenta altresì un vero e proprio rifugio per numerose specie animali quali il geco di kotschy, la testuggine di Hermann, il colubro leopardino, la vipera comune, la tottavilla, la poiana e il gheppio.

Come arrivare all’Oasi WWF Monte Sant’Elia

Per arrivare all’Oasi, se si proviene da Bari e Taranto bisognerà percorrere la S.S. 100, uscire a Mottola e proseguire in direzione Noci per 5,6 km fino ad un tornante a sinistra. Poco dopo svoltare a destra in direzione Martina Franca; proseguire per circa 5 km fino a trovare sulla destra la strada che conduce a destinazione.

Se, invece, si arriva da Martina Franca basterà seguire le indicazioni per Mottola e proseguire per circa 22 km fino ad imboccare sulla sinistra il tratturo che condurrà alla masseria dell’Oasi. 

Foto Monte Sant’Elia-Oasi WWF (Facebook).


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento