News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » New York Times dedica un articolo alle ‘signore delle orecchiette’

New York Times dedica un articolo alle ‘signore delle orecchiette’

“Il reporter Jason Horowitz ha dedicato un lungo articolo alla tradizione di Arco Basso.”
New York Times dedica un articolo alle ‘signore delle orecchiette’

Le produzione delle orecchiette è uno dei tratti tipici e distintivi di tutta la Puglia. A Bari, in particolare, nella stradina Arco Basso è possibile ammirare la loro realizzazione e produzione grazie alle arzille signore del posto che, di giorno in giorno, ne producono grandi quantità per poterle fare assaggiare a chiunque lo desideri.

Scopri di più su: Strada delle orecchiette, l’arte della pasta tra le vie di Bari Vecchia

È proprio da questa usanza che è nato un caso, le cui notizie di cronaca sono rimbalzate in tutta Italia e non solo: qualche settimana fa tre chili di orecchiette fatte a mano e non tracciate sono state sequestrate dalla Polizia Municipale in un ristorante su uno dei corsi principali della città.

L’interesse del New York Times

A parlare del caso recentemente scoppiato e che mette in pericolo anche la stessa realizzazione artigianale di Arco Basso è stato il New York Times, che nell’edizione pubblicata il 10 dicembre ha dedicato un lungo articolo alla questione pugliese.

Il reporter Jason Horowitz, dopo aver raccontato la storia delle signore baresi che si cimentano giorno dopo giorno nella realizzazione delle orecchiette, ha sottolineato come questi prodotti siano sì squisiti ma senza controlli e senza certificati che ne garantiscano l’igiene e senza, naturalmente, che il tutto venga fatturato.

La salvaguardia della tradizione di Arco Basso

Come specifica il New York Times, la questione è al momento molto delicata, motivo per il quale le signore di Arco Basso hanno raccontato di non potersi esporre e di non rispondere alle domande fin quando il tutto non si risolverà. Su una cosa sono però tutte certe: più che di un traffico illegale di pasta si tratta di una tradizione che va avanti da alcuni anni e che, per continuare ad essere rispettata, andrebbe messa a norma.

In questo modo, come si auspica anche il quotidiano americano, si salverebbe una particolare usanza e si continuerà a poter assaggiare queste prelibatezze homemade

video

Video


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento