News Lecce

Home » Notizie Puglia » News Lecce » Murales a Lecce e Foggia su legami umani e senzatetto

Murales a Lecce e Foggia su legami umani e senzatetto

“I due murales intendono far riflettere su temi importanti e spesso sottovalutati.”
Murales a Lecce e Foggia su legami umani e senzatetto

I muri pugliesi continuano ad essere impreziositi da delle vere e proprie opere d’arte, realizzate da validi artisti che, anche attraverso le loro creazioni riescono a far riflettere su temi importanti.

Sono questi i casi dei murales dipinti nelle città di Foggia e di Lecce. Se nel primo caso Closcià è un omaggio ai senza tetto, nel secondo si intendono evidenziare i rapporti umani con Wish.

Closcià, omaggio ai senzatetto

Il murale di Foggia, nato dall’idea di Alessandro Tricarico, intende dare un volto a chi di solito è invisibile. Per omaggiare i senza dimora, l’artista ha deciso di realizzare, su uno spazio di 38 metri per 10, il volto del suo amico Antonio Grilli, ex sottufficiale della Marina Militare e ora senzatetto. È proprio per questo motivo che l’opera è stata ribattezzata Closcià, che nel dialetto locale indica proprio gli homeless.

L’obiettivo di questa iniziativa, come già ripetuto, è quello di sensibilizzare la popolazione sulle problematiche delle persone povere, a prescindere dalla loro nazionalità. L’opera, posta sulla facciata di un edificio di via Montegrappa, è stata resa possibile grazie alla collaborazione tra l’artista e l’associazione Fratelli della Stazione.

Wish, il murale sui rapporti umani

A Lecce, invece, nel quartiere 167, quello considerato più popolare e multiculturale, è stato realizzato un altro murale.

Disegnato dall’artista pugliese Millo, questo disegno rientra oggi all’interno dell’iniziativa 167 Art Project dell’organizzazione 167 B, che opera da anni nel rione con lo scopo di migliorarne la percezione estetica e soprattutto di aumentare i rapporti umani tra gli abitanti.

Non a caso, dunque, Wish è la rappresentazione concreta di un legame che non può essere tagliato, proprio come un sottile filo rosso che collega e lega ciascuno di noi, che, come precisato dall’associazione, nonostante le difficoltà e gli intrecci delle nostre vite, contribuisce a renderci tutti migliori quando non siamo soli.

video

Video


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento