News BAT

Home » Notizie Puglia » News BAT » Coronavirus, ad Andria produzione fai-da-te di mascherine

Coronavirus, ad Andria produzione fai-da-te di mascherine

“Il direttore della Asl ha apprezzato la buona volontà del gesto ma ha assicurato che le mascherine ci sono.”
Coronavirus, ad Andria produzione fai-da-te di mascherine

L’emergenza da coronavirus ha presto portato all’esaurimento di alcuni strumenti in grado di prevenire il contagio da Covid-19. Se per il gel disinfettante mani l’Oms è corsa ai ripari pubblicando la ricetta ufficiale per produrla in casa, un discorso a parte lo meritano le mascherine.

Ad arginare il problema delle bautte sold-out ci hanno pensato gli infermieri della rianimazione dell’ospedale Bonomo di Andria. Il personale sanitario, infatti, ha trasformato delle vecchie lenzuola in mascherine. Sebbene si tratti di un prodotto finito piuttosto insolito, ciò che non cambia è la loro funzione che consiste nella protezione di naso e bocca.

Dotati di buona volontà i paramedici hanno preso in mano ago, filo e macchina per cucire, riuscendo a trasformare la biancheria da letto dismessa in un centinaio di dispositivi di protezione riutilizzabili, sterili e resistenti. Questa geniale invenzione, dunque, sarà utilizzata nel Bonomo fin quando non arriveranno le mascherine destinate alla regione e provenienti dalla Protezione Civile Nazionale.

Le mascherine chirurgiche ci sono

Il direttore generale della Asl Bt Alessandro Delle Donne non ha potuto fare a meno che elogiare la genialità degli infermieri, plaudendo alla loro creatività. Per l’occasione, inoltre, il dirigente ha garantito a tutti, e in particolare agli stessi infermieri, che le mascherine chirurgiche e i dispositivi di sicurezza ci sono e vengono regolarmente distribuiti in tutti i reparti nei quali sono necessari per le attività di assistenza, rispettando i criteri di sicurezza individuati e tenendo in considerazione le reali esigenze legate al coronavirus.

Come spiegato in una nota della Asl Bt, inoltre, il contingentamento delle mascherine chirurgiche e dei dispositivi di sicurezza risponde all’esigenza di avere a disposizione sempre una scorta minima.

La distribuzione, così come è stata garantita fino a questo momento, ha permesso di non avere contagiati e di garantire la tutela degli operatori maggiormente a rischio in quanto a contatto con patogeni esterni la cui velocità di trasmissione è ormai nota.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


1 commento su “Coronavirus, ad Andria produzione fai-da-te di mascherine

  1. Mario Mosè Cavenago ha scritto:

    Saranno realmente idonee a proteggere CHI LE INDOSSA?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento