Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Oria fumosa, l’affascinante leggenda dietro la sua nebbia

Oria fumosa, l’affascinante leggenda dietro la sua nebbia

“Dietro la nebbia che avvolge Oria ci sarebbe il dolore di una mamma per l'uccisione della sua giovane figlia.”
Oria fumosa, l’affascinante leggenda dietro la sua nebbia

Ciò che contraddistingue la cittadina fondata (così come raccontato da Erodoto) nel 1274 a.C dai coloni cretesi, Oria, è la leggera nebbia in grado di donare alle sue stradine tortuose e alle sue case imbiancate a calce un’atmosfera misteriosa ma al tempo stesso affascinante.

La caligine, visibile già da qualche chilometro in lontananza, si mostra spesso agli occhi di chi decide di ammirare di persona il castello federiciano e le vie del suo centro storico medievale.

L’origine dei racconti di Oria Fumosa

Il fenomeno atmosferico particolare e poco presente nei territori pugliesi, quindi, è stato da sempre oggetto di curiose tesi e di racconti tramandati di padre in figlio nel corso dei secoli. Tra le ipotesi più accreditate quella ritenuta più probabile mischia la foschia ad un’affascinante leggenda, conosciuta con il nome di ‘Oria furiosa‘ e che ha come protagonista una sventurata fanciulla.

Le mura difensive e i loro continui crolli

A quanto pare, invece della nebbia Oria era interessata da un altro strano fenomeno che voleva che dopo essere costruite, le mura della città (o del castello, in base alle diverse storie tramandate), continuassero a crollare senza che nessuno ne riuscisse a comprendere il perché.

Il responso dell’oracolo

I costruttori, allora, decisero di consultare un oracolo per venire a conoscenza di quale fosse il reale problema delle fortificazioni crollate. La risposta a questa domanda fu quella di dover immortalare il sangue puro di una giovane fanciulla affinché la maledizione venisse meno.

La giovane sacrificata

La notte stessa del responso, quindi, le guardie furono incaricate di uccidere la prima giovane incontrata, che si sarebbe sacrificata per il bene e per la protezione della città. Non appena commesso il delitto, sulle pietre delle mura giunse la madre della defunta, che distrutta dal dolore, lanciò una nuova scomunica verso tutta la città, pronunciando la frase “Possa tu fumare Oria, come fuma il mio cuore disperato”.

Il ricordo degli anziani del posto

A partire da quel momento in poi, quindi, Oria viene spesso avvolta dalla nebbia, occasione durante la quale viene ricordata la tragica uccisione dell’innocente.

Ogni qualvolta si presenta la foschia, inoltre, gli anziani del posto ricordano l’avvenimento con una triste cantilena, che dice: “Ad Oria fumosa, uccisero una bambina così piccola che potevano metterla in una tasca”.

Foto di: @valentinaanne13 (Instagram).


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia