Apricena: Il Gran Prix dei Carrucci
Eventi provincia Foggia

Home » Eventi Puglia » Eventi provincia Foggia » Il Gran Prix dei Carrucci, ad Apricena la bellezza dei giochi di una volta

Il Gran Prix dei Carrucci, ad Apricena la bellezza dei giochi di una volta


Warning: Use of undefined constant image - assumed 'image' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/pugliaccc/public_html/wp-content/themes/puglia-notizie/single-eventi.php on line 68
Il Gran Prix dei Carrucci
Evento
Il Gran Prix dei Carrucci
Località
Apricena (FG)
Data/periodo
25 lug 2018
Ingresso
gratuito

Aria di nostalgia nella cittadina di Apricena dove, mercoledì 25 luglio, si rivivranno le antiche emozioni legate alla gara dei “carrucci” che i ragazzini organizzavano per le strade del paese, con i pochi mezzi a disposizione, dando vita ad un vero e proprio gran premio tra divertimento e competizione.

La seconda edizione del “Gran Prix dei Carrucci”, organizzato da Movidaunia Apricena, trasformerà viale Togliatti in un circuito che vedrà protagoniste diverse squadre, in una gara della durata di 3 giri, per un percorso totale di 1,2 chilometri. La peculiarità del gioco sta nella “spinta” del carruccio, fatta a staffetta dai restanti quattro concorrenti che compongono la squadra oltre al pilota.

Novità di questa seconda edizione del Gran Prix è la distinzione in due categorie di concorrenti, una con le ruote e una con i cuscinetti, mentre resta confermato il percorso di gara. L’evento, volto a ricucire un legame tra passato e presente, all’insegna della semplicità della tradizione, rientra  nell’ambito della stagione “Apricena Estate 2018” ed è patrocinato dal Comune, in collaborazione con l’Associazione “La Città che Vogliamo”.

Il carruccio

Simbolo delle antiche tradizioni di Apricena e dei paesi limitrofi, il carruccio è un attrezzo semovente costruito con una tavola e due assi perpendicolari: uno anteriori ore e l’altro posteriore, alle cui estremità erano montate due ruote generalmente costituite da vecchi cuscinetti a sfera racimolati tra gli scarti dei fabbri. Si era soliti giocare in coppia: un concorrente restava seduto a fare da guidatore e l’altro spingeva, finché non concordavano il cambio. Era anche possibile correre da soli , ma ciò comportava il rischio di risalire caricandosi il “carruccio” molto pesante.

L’attenzione dell’associazione Movidaunia Apricena punta ancora una volta a riportare in auge le tradizioni di una volta, attingendo ai giochi paesani per far sì che le nuove generazioni conoscano i “giochi dei loro nonni”.

posizione

Mappa

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento