News Bari

Home » Puglia Notizie » News Bari » Gli scarti della birra per curare il cancro: la ricerca dell’Università di Bari

Gli scarti della birra per curare il cancro: la ricerca dell’Università di Bari

La birra in soccorso della lotta al cancro. E’ la strategia elaborata da un pool di ricercatori pugliesi in collaborazione con dei centri di ricerca esterni, meritevole di pubblicazione sulla prestigiosa rivista “Scientific Reports – Nature” con un articolo dal titolo “Antioxidant and Antitumor Activity of a Bioactive Polyphenolic Fraction Isolated from the Brewing Process“. La ricerca, di tipo traslazionale, spazia dalla nutraceutica alla “waste medicine” fino ad interessanti novità nel campo della biologia dei tumori e della prevenzione oncologica, è stata coordinata dai professori Tiziana Cocco, Danila De Vito, Salvatore Scacco (Dip. di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze e Organi di Senso – SMBNOS) e Luigi Santacroce (Dip. Jonico – DISGEM) ed è il frutto di una ricerca avviata circa cinque anni fa, alla quale hanno partecipato anche dottori di ricerca e dottorandi dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

Ricerca con prospettive importanti per malati oncologici e ambiente

A catturare l’attenzione maggiore è stato il ‘brewing process‘, ossia il processo di birrificazione: il gruppo di studiosi ha cominciato a lavorare sul malto e sul luppolo nel 2011, studiandone produzione e sviluppo. Gli autori hanno posto sotto la luce dei riflettori le attività biochimiche e biologiche di composti polifenolici che hanno mostrato una sorprendente attività di inibizione della proliferazione in cellule tumorali. La sinergia tra la diminuzione dello stress ossidativo, associata alla riduzione della proliferazione in cellule tumorali, pone le basi per potenziali future strategie terapeutiche, sempre più attente alla biologia ed al wellbeing del paziente. Adesso servirà passare dalla via della prova clinica su pazienti selezionati, verificandone i benefici ed eventuali effetti collaterali. La richiesta del gruppo di ricercatori dell’ateneo di Bari? Che la Puglia sia la prima a poter usufruire della cura. I tempi però non sono ancora maturi: prima sarà tempo di confrontarsi con le aziende farmaceutiche e con i birrifici. Ma pensateci: da oggi un brindisi a suon di birra conterrà in se un’eco di speranza.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia