News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Gioia del Colle, tre nonni realizzano il sogno di conseguire la licenza media

Gioia del Colle, tre nonni realizzano il sogno di conseguire la licenza media

“I tre anziani hanno svolto l'esame in videoconferenza, superandolo a pieni voti.”
Gioia del Colle, tre nonni realizzano il sogno di conseguire la licenza media

La sete di conoscenza non ha limiti di età. Questo spirito di rivalsa ha guidato tre anziani di Gioia del Colle che hanno finalmente coronato il sogno di conseguire la licenza media. Nicola Bellacicco di 86 anni, Domenica Nettis di 78 anni e Imma Scarciolla di 69 hanno discusso le loro tesine in videoconferenza, e ad ascoltarli al di là dello schermo di un PC c’erano nove docenti dell’Istituto comprensivo Carano-Mazzina della città nella quale risiedono.

L’esame di terza media dei tre nonni è stato organizzato nell’ambito del progetto “A scuola… Media 80”: Nicola, Domenica e Imma hanno studiato nella sede del “Centro Aperto Polivalente per Anziani” di Gioia del Colle e poi, grazie all’aiuto degli educatori della struttura, hanno esposto le rispettive tesi attraverso la piattaforma Zoom, largamente impiegata durata i mesi di lockdown.

Licenza media, un sogno che si avvera

Tornare tra i banchi di scuola è stato emozionante, perché ha permesso loro di realizzare un desiderio che hanno dovuto purtroppo accantonare quando erano bambini. I tempi erano diversi, così come le priorità: c’era la guerra, le famiglie avevano altre volontà ed esigenze, e a mancare era anche la fiducia in loro stessi.

Decenni dopo, però, hanno deciso di rispolverare quel vecchio sogno, si sono impegnati e il 10 giugno hanno affrontato l’esame di terza media, superandolo a pieni voti. Terminata la discussione, non hanno potuto contenere la felicità e in videoconferenza (a causa dell’emergenza coronavirus) hanno esclamato: “È un sogno che si avvera!”. Figli e nipoti hanno assistito emozionati all’esame dei loro cari, registrando con un video il lieto momento.

Nicola, Domenica e Imma, tre storie di coraggio

L’impresa dei tre anziani è stata commentata con orgoglio dal dirigente scolastico Leonardo Castellana: “Rispetto ad un clima che interpreta la scuola come un servizio utile, questi anziani ci stanno dando il messaggio che ben al di là dell’utilità, la scuola è un valore, che non serve a qualcosa ma alla crescita personale“.

Nicola, tesina sul coronavirus

Il signor Nicola ha preparato una tesina sul coronavirus, con riferimenti all’influenza spagnola e alla peste manzoniana. Dopo una vita trascorsa a lavorare nei campi e a ricostruire i muretti a secco, Nicola si è rimesso in gioco a 86 anni e il 10 giugno l’anziano signore ha potuto finalmente diplomarsi: “Studiare era una cosa che avevo dentro da bambino, ma quando avevo 9 anni, durante la terza elementare la guerra mi costrinse a non andare più a scuola. Era troppo pericoloso percorrere a piedi 7 chilometri all’andata e al ritorno, col buio ogni giorno, per andare dalla nostra casa in campagna fino alla scuola in paese”.

Domenica, tesina sul boom economico degli anni ’60

Chella, così viene chiamata la signora Domenica, lavorava da ragazza dell’azienda agricola di famiglia; poiché ultima di sette figli, il papà la obbligò a interrompere gli studi. La tesina da lei elaborata ha affrontato il tema del boom economico degli anni ’60. Domenica confessa di aver intrapreso questo percorso di studi “come un gioco. Ma oggi che ho scoperto la gioia di imparare, dico che non è detto che finirà qui, magari continuerò a studiare”.

Imma, tesina sull’immigrazione

La più giovane tra i tre pensionati è Imma, appassionata di pittura e lettura ed ex magliaia. Ha discusso una tesina sull’immigrazione: Ho scelto questo argomento perché è un problema molto attuale e perché il dramma che tante persone stanno vivendo oggi lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle con i familiari che emigravano in America”. La signora confessa di non aver concluso gli studi “perché non mi sentivo in grado. Poi ho scoperto che è bello studiare”.

Le parole di Emiliano

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano aveva espresso la sua vicinanza e il suo supporto, dedicando a Nicola, Domenica e Imma un videomessaggio su Facebook: “Giunga a loro il mio incoraggiamento. Hanno superato persino le difficoltà della pandemia pur di portare a termine la loro impresa di superare gli esami di terza media”.

Contenuto bloccato: accettare utilizzo dei cookie e ricaricare la pagina per visualizzarlo
A SCUOLA… MEDIA 80

È proprio vero: nella vita gli esami non finiscono mai. L’istruzione è un diritto prezioso, un’occasione straordinaria per nutrire il proprio spirito.Per questo, ammiro la determinazione e la passione di Nicola, Chella e Imma, i tre nonni iscritti al “Centro Aperto Polivalente per Anziani” di Gioia del Colle che martedì sosterranno l’esame di terza media, grazie al progetto “A scuola… Media 80”.Ringrazio Valerio Passerotti, coordinatore dell’equipe educativa del Centro, per aver condiviso con me questa bella storia, possibile anche grazie alla professionalità e all’entusiasmo degli educatori coinvolti nel progetto.Credo che questi tre anziani siano davvero un esempio per i più giovani, affinché non rinuncino mai al sapere e inseguano sempre i loro sogni.Imma, Nicola, Chella, la Puglia fa il tifo per voi!CMR Centro Aperto Polivalente Anziani Gioia del Colle

Posted by Michele Emiliano on Sunday, June 7, 2020

Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento