News Foggia

Home » Puglia Notizie » News Foggia » I Fucacoste di Orsara di Puglia oggi in onda su “Geo”

I Fucacoste di Orsara di Puglia oggi in onda su “Geo”

“La puntata andrà in onda questo pomeriggio alle ore 17.”
I Fucacoste di Orsara di Puglia oggi in onda su “Geo”

Questo pomeriggio i riflettori della trasmissione televisiva Geo saranno puntati su una tradizione tutta pugliese, quella dei Fucacoste di Orsara di Puglia.

A partire dalle 17, su Rai Tre il programma condotto da Sveva Sagramola e Peppe Zullo parlerà dell’incredibile storia di questa ricorrenza molto sentita in tutta la Capitanata.

Ogni 1 novembre, infatti, Orsara di Puglia vede le sue strade tornare a illuminarsi per la festa del Fucacoste e Cocce Priatorje, la notte più lunga e splendente dell’anno dedicata al ricordo dei defunti.

Questa usanza, dai meno esperti confusa con la festa di Halloween, ha poco o niente in comune con quest’ultima: la festa pugliese è un momento di unione e condivisione che appartiene al 1200. Da quel momento in poi, questa tradizione si è trasformata in un rito che riunisce ogni anno migliaia di visitatori pronti per festeggiare tutti insieme.

Orsara di Puglia per l’occasione si anima di un intenso rosso accesso, dovuto al fatto che in ogni via, piazza e slargo c’è un covone che arde, scintille che ascendono al cielo (in dialetto, appunto, fucacoste), mentre centinaia di zucche intagliate in modo da raffigurare sembianze umane e illuminate internamente decorano il paese, ricordando le “teste del Purgatorio” (cocce priatorje).

Quando è nata la tradizione

A partire dal 1200, dunque, tra le vie di Orsara di Puglia veniva posto davanti a ogni uscio di casa un olio in una bacinella piena d’acqua e sormontata da una lampada. Questo veniva fatto poiché, secondo gli abitanti del posto, la luce fioca della candela avrebbe mostrato la sfilata delle anime del purgatorio. Per un maggiore legame cielo-terra, inoltre, si era soliti fa ardere la ginestra, la cui particolarità è quella di far volatizzare velocemente le sue fiamme.

Tutto questo viene realizzato poiché si ritiene che le anime dei defunti, nella notte tra il 1 e 2 novembre, visitino i parenti e tornino alle dimore dove avevano vissuto, si riscaldino grazie ai fuochi accesi e proseguano nel loro viaggio. Le zucche servono invece per far ritrovare al defunto la casa dove era vissuto.

video

Video


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia