News Bari

Home » Notizie Puglia » News Bari » Estate 2020, la Puglia non rinuncia al turismo e si riorganizza

Estate 2020, la Puglia non rinuncia al turismo e si riorganizza

“La Regione sta pensando a un diverso modello di turismo, fruibile attraverso le masserie didattiche.”
Estate 2020, la Puglia non rinuncia al turismo e si riorganizza

Dopo la conferma ufficiale della riapertura di bar, ristoranti, negozi e saloni di bellezza, anche la Puglia inizia a prepararsi per entrare nel vivo della Fase 2 del coronavirus.

Scopri di più su:
Puglia: bar, ristoranti e negozi riapriranno il 18 maggio
È ufficiale: estetisti e parrucchieri riaprono il 18 maggio

A fornire maggiori dettagli a riguardo è stato Michele Emiliano, il quale ha sottolineato come sarà il governo a dettare le linee generali e i parametri di pericolosità dell’epidemia.

Tamponi e nuovi macchinari

L’augurio del presidente, come specificato durante il collegamento con il programma Rai1 Storie italiane, è che il governo detti anche il potenziale numero di tamponi che ciascuna regione deve poter fare, poiché per permettere questo servizio è necessario mettere in conto l’acquisto di nuovi macchinari e di reagenti per milioni di euro. In questo modo, stando alle dichiarazioni di Emiliano, si permetterà di far stabilire ai governatori i parametri di effettiva pericolosità, per poter stabilire i tempi e le modalità con i sindaci, che dovranno essere informati.

Nel caso specifico della Puglia, immancabili i riferimenti al turismo: “Vedere le nostre strutture ferme – ha detto Emiliano – è una cosa che spezza il cuore, perché fa insieme una rabbia e una tristezza grandissima. Noi possiamo mettere in campo centinaia di questi luoghi, segmentati, diciamo così, quindi con le condizioni fondamentali per evitare un turismo di massa che rende incontrollabile i contatti stretti“.

Stagione turistica in sicurezza

Il Tacco dello Stivale, infatti, ha 900 km di costa, migliaia e migliaia tra bed and breakfast, agriturismi, masserie, alberghi che possono quindi consentire una stagione turistica in totale sicurezza.

Sebbene i numeri dello scorso anno non possano essere riconfermati, la Puglia non intende rinunciare al turismo estivo. Un valido alleato è da ritrovare, oltre che nelle località di mare, nelle masserie didattiche.

Scopri di più su: Agriturismi e masserie pugliesi luoghi ideali per la ripresa

Con questo termine si intende un’invenzione della Regione Puglia, che con piccole somme ha deciso di finanziare attività nelle quali si crei la cultura della ruralità e che possa portare alla nascita di un diverso modello di turismo che è basato su un’esperienza nella quale il turista non si debba sentire un estraneo per tutto il periodo in cui è in regione. Questo è possibile inglobando l’ospite e 360°, facendolo mangiare e vivere proprio come un pugliese qualsiasi.

Al momento, ha ricordato Emiliano, il comitato scientifico composto da tutte le Università pugliesi è a lavoro per definire alcune linee guida che dovranno poi essere adattate alla realtà.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento