News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » Foggia, attivati gli esami radiologici via web

Foggia, attivati gli esami radiologici via web

“Con il nuovo servizio saranno limitati gli accessi in ospedale.”
Foggia, attivati gli esami radiologici via web

Limitare gli accessi in ospedale ma al tempo stesso garantire l’assistenza ai pazienti è fondamentale in questo periodo. Proprio per questo motivo il Policlinico Riuniti di Foggia ha deciso di attivare un’importante innovazione che andrà proprio in questo verso: un servizio digitale per i cittadini che si sottopongono a radiografie, tac, risonanze magnetiche e tutti gli altri esami radiologici con referti che saranno inviati direttamente all’email dell’interessato.

I medici, quindi, avranno accesso ai dati del paziente, agli esami di imaging e ai referti radiologici per fornire consulti o valutazioni specialistiche in qualsiasi sede. Questa tecnologia ‘Carestream MyVue’ è un perfetto complemento alla strategia del fascicolo sanitario elettronico, ossia la raccolta di dati e documenti sanitari relativi ad una persona. È accessibile da smartphone, pc e da Ipad e limita, in questa fase, i contatti e gli accessi dei pazienti in ospedale, che non dovranno più tornare per il ritiro dei referti.

Referti online, come funziona

Ecco i dettagli del servizio nello specifico:

  • dopo l’esecuzione delle indagini diagnostiche, i pazienti accedono online al proprio esame tramite un login protetto;
  • gestione da dispositivi Web-enabled (cioè abilitati all’accesso al web) delle registrazione di imaging, compresi i referti diagnostici finali;
  • i pazienti scelgono e autorizzano le persone con le quali desiderano condividere le proprie immagini.

Chi si è sottoposto all’esame, inoltre, riceve per posta elettronica due e-mail da MyVue: la prima contenente una password protetta necessaria per completare il processo di login, la seconda il link per accedere al sito Web (https://myvue.ospedaliriunitifoggia.it) dove sono immagazzinati i suoi dati dell’esame diagnostico. Una volta visualizzato l’esame, il paziente può svolgere diverse attività: visualizzare il referto associato all’esame, salvare l’esame in locale, condividerlo con il medico di base o altri specialisti il tutto nella massima protezione e affidabilità. Dopo l’iscrizione i pazienti possono concedere a loro discrezione le autorizzazioni alle persone e alle strutture con le quali desiderano condividere le immagini e i dati.

I pazienti non dovranno tornare in ospedale dopo pochi giorni dall’esame per ritirarne il referto e la struttura ospedaliera sarà in grado di limitare i costi dei supporti (pellicole e CD) su quali ancora oggi vengono salvate le immagini diagnostiche con relativi costi di spedizione.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento