News Brindisi

Home » Notizie Puglia » News Brindisi » Puglia, continuano senza sosta le donazioni degli organi

Puglia, continuano senza sosta le donazioni degli organi

“Nell'ultima settimana sono stati donati gli organi di due diverse persone.”
Puglia, continuano senza sosta le donazioni degli organi

Negli ultimi mesi in Puglia è stato registrato un incremento delle donazioni degli organi, dopo alcuni dati non propriamente consolanti che registravano la regione agli ultimi posti della classifica nazionale.

Nella sola settimana scorsa, tuttavia, sono state segnalate due donazioni di organi, il primo avvenuto presso l’ospedale SS. Annunziata di Taranto e il secondo al ‘Bonomo‘ di Andria.

Il grande gesto di Taranto

Il primo dei due grandi gesti è avvenuto in seguito al decesso di una 74enne tarantina. In seguito alla sua morte, avvenuta tra il 20 e il 21 agosto, i suoi familiari hanno dato il consenso alla donazione degli organi. Solo in seguito a questo accordo, dunque, l’equipe dell’ospedale coordinata dal dottor Pasquale Massimilla ha potuto prelevare fegato e reni, inviati a Bari.

Donazione degli organi ad Andria

La donazione di Andria, invece, è avvenuta in seguito alla morte di un uomo di 43 anni. Anche in questo caso, dopo aver ottenuto il consenso dai familiari, sono stati prelevati i reni, inviati a Bari, e le cornee, dirette alla Banca degli occhi di Mestre.

In un momento di grande dolore come quello della perdita del proprio caro, dunque, le famiglie sono state in grado di pensare al prossimo, rendendosi protagonisti di un grande gesto d’amore.

Sensibilizzazione e prevenzione

Negli ultimi anni, in tutta la Puglia sono state intraprese numerose campagne in grado di promuovere la cultura della donazione: è solo facendo informazione e comunicazione che si può sperare di ottenere un numero sempre più grande di consensi.

Questo ‘piccolo’ gesto, infatti, si tramuta e trasforma in una speranza di vita per i pazienti che sono da anni in attesa di un organo e che così facendo potrebbero riprendere in mano la propria quotidianità. Le campagne di sensibilizzazione che coinvolgono anche le scuole sembrano iniziare a dare i primi frutti: i casi qui esposti sono solamente una minima parte di quelli che quasi quotidianamente numerosi pugliesi compiono.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento