Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Curiosità e leggende che non ti aspetti in Puglia, tutto quello da sapere

Curiosità e leggende che non ti aspetti in Puglia, tutto quello da sapere

Oltre ad essere una delle regioni più incantevoli del mondo, da scoprire e visitare in ogni sua parte più nascosta, la Puglia conserva delle curiosità e dei retroscena che nessuno si aspetterebbe. Anche lo stesso cantante pugliese Caparezza cantava “Vieni a ballare in Puglia dove la notte è buia”, proprio per i misteri che custodisce questa terra incantata: 7 sono le curiosità e le leggende da conoscere.

Una storia strana e affascinante è quella dei Trulli di Alberobello, una bellezza visitata ogni giorno da tantissimi turisti che rimangono ammaliati da come una struttura così semplice, costruita in maniera rudimentale, possa creare così tanto stupore negli occhi di chi la guarda. I Trulli di Alberobello rientrano nelle 7 curiosità e leggende da conoscere, proprio perché curiosa è la loro storia: i più antichi furono costruiti intorno al XIV secolo, quando la gestione del feudo fu assegnata a Roberto d’Angiò, primo conte di Conversano, successivamente al suo successo durante le Crociate. Dato che il Regno di Napoli imponeva delle tasse salate su tutte le nuove costruzioni e abitazioni del feudo, i trulli furono costruiti in modo tale da essere scomposti qualora arrivasse un emissario. Strano è il fatto che attualmente fanno parte del patrimonio dell’UNESCO, nonostante siano delle costruzioni abusive a livello edilizio.

La seconda delle 7 curiosità e leggende da conoscere, è una leggenda pugliese. Racconta la storia di due fratelli che diedero vita ai Trulli siamesi. Sfortunatamente il destino volle che due fratelli, s’innamorarono della stessa donna, la quale fu promessa al maggiore ma amava il minore dei due. I giovani fratelli decisero di vivere nello stesso trullo, che da quel giorno, ha due porta d’entrata differenti che si affacciano su due strade diverse. Forse è questa la rappresentazione di due nati dallo stesso sangue che intraprendono strade differenti a causa dell’amore di una donna.

Che curiosità sono le masserie pugliesi che ricordano vagamente quelle siciliane. Anticamente queste masserie, di cui la Puglia è piena, erano abitate dai signori nobili del posto, dai borghesi e anche dai contadini che lavoravano le loro terre. I loro figli giocavano insieme senza alcuna distinzione di classe sociale e i più fortunati potevano anche godere di un’istruzione. Insomma nelle antiche masserie pugliesi si viveva come in un’enorme bolla di sapone dorata. Dall’antichità all’età moderna: nella città salentina di Novoli, in onore di Sant’Antonio Abate, si organizza ogni anno nel mese di gennaio, il Falò più grande d’Europa chiamato la Fòcara di Novoli. Forse d’importanza pari alla Notte della Taranta salentina, il Falò di Novoli rientra nelle 7 curiosità e leggende da conoscere proprio perché è considerato come il falò più grande di tutto il Mediterraneo.

Santa Maria di Leuca è la città pugliese che meglio nasconde delle curiosità e delle leggende pugliesi assolutamente da conoscere. E proprio lo stesso Capo di Leuca, è avvolto da un alone di mistero: si narra che il tempio di Minerva, fosse stato costruito come protezione per i campi e subito dopo come protezione allo scontro con Nettuno, il quale decise di regalare al Capo un cavallo. Minerva d’altra parte, decise di piantare un albero d’ulivo da dare in dono alla terra e ai suoi abitanti. Fu San Pietro a mettere la prima croce sull’ulivo, secondo l’usanza che dov’era posta una croce, si doveva sostituire il tempio con una chiesa. Qui nacque il Santuario di Santa Maria di Leuca, dove la leggenda racconta che tutte le anime dei defunti si rechino per arrivare prima in paradiso e liberarsi dalla terra dei vivi.

L’ultima delle 7 leggende e curiosità da conoscere, riguarda sempre Santa Maria di Leuca. Storie nate tra le rocce e le cavità salentine, narrano che dalle acque provengano delle urla legate a delle leggende. Dove nasce l’incontro tra i due mari, infatti le vicende sostengono che una donna, dopo essersi innamorata di un saccheggiatore saraceno, diede alla luce un bambino che gettò nelle acque dove s’incontravano i due mari. Da quel giorno tutti sentirono le urla strazianti che provenivano dall’acqua. Miti, leggende e curiosità da conoscere: questo e tanto altro nasconde la Puglia dietro le sue acque limpide e cristalline, non proprio come le sue storie.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia