News BAT

Home » Notizie Puglia » News BAT » Coronavirus, prof. Ranieri collaborerà con la Regione Puglia

Coronavirus, prof. Ranieri collaborerà con la Regione Puglia

“Il professore avrà il compito di coordinare e integrare la rete delle terapie intensive.”
Coronavirus, prof. Ranieri collaborerà con la Regione Puglia

Il professore Vito Marco Ranieri dell’Università di Bologna e inventore di un metodo che permette di utilizzare un sono ventilatore per due pazienti, inizierà a collaborare con la Regione Puglia.

Scopri di più su: Coronavirus, un solo ventilatore per due pazienti: l’idea è di un medico pugliese

Ad annunciare la novità è stato il presidente Michele Emiliano, il quale ha sottolineato come la presenza del prof. Ranieri possa rafforzare la squadra per affrontare l’emergenza del Covid-19, con il compito di coordinare e integrare la rete delle terapie intensive. La collaborazione con il medico pugliese, dunque, sarà determinante anche per offrire alla Puglia l’esperienza che Ranieri sta attuando nel fronteggiare il coronavirus in Emilia Romagna, potendo così anticipare le mosse.

L’incarico, come anticipato da Emiliano, è stato affidato al professore nell’ambito di un più ampio accordo di collaborazione tra la Regione Puglia e il Dipartimento di scienze mediche e chirurgiche dell’Alma Mater Studiorum di Bologna.

Il rapporto di collaborazione, che avrà durata fino al 31 luglio 2020, vedrà il prof. Ranieri collaborare in continuo con il Presidente della Giunta Regionale, con il Direttore del Dipartimento Promozione della Salute e con i componenti della Task force all’uopo istituita.

Quali sono le attività delle quali si occuperà Ranieri

All’interno del testo dell’accordo di collaborazione siglato, sono presenti le seguenti attività:

  • organizzazione di una rete regionale delle terapie intensive e implementazione dei modelli gestionali;
  • integrazione della rete delle terapie intensive con le medicine d’urgenza e le pneumologie delle Regione al fine di integrare l’attività ad alta intensità di cura (le terapie intensive) con l’attività a media intensità di cura (medicine d’urgenza e le pneumologie) strutturando dal punto di visto organizzativo e strutturale la continuità assistenziale tra prevenzione (medicina d’urgenza) – cura (terapia intensiva) e svezzamento (pneumologia) dei malati con insufficienza respiratoria acuta da COVID;
  • condivisione di protocolli attuativi di ricerche condotte dal DIMEC in modelli organizzativi e clinici da implementare nel sistema regionale e condividere tra i diversi operatori.

Tutte queste parti individuano come referente scientifico dell’Università il prof. Vito Marco Ranieri, docente di Anestesiologia presso il Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche dell’Alma Mater, in qualità di esperto del trattamento delle diverse forme di insufficienza respiratoria acuta, nonché coordinatore di studi clinici randomizzati e controllati sull’efficacia della ventilazione meccanica.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento