News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » Coronavirus, anche in Puglia il farmaco anti-artrite Tocilzumab

Coronavirus, anche in Puglia il farmaco anti-artrite Tocilzumab

“Il farmaco arriverà nei prossimi giorni negli ospedali pugliesi.”
Coronavirus, anche in Puglia il farmaco anti-artrite Tocilzumab

Anche in Puglia arriverà il farmaco anti-artrite che ha mostrato alcune caratteristiche di efficacia contro il Covid-19.

A dichiararlo è stato lo stesso presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha comunicato come a seguito di un incontro di videoconferenza tra la task force regionale per l’emergenza coronavirus e i vertici della società farmaceutica Roche, alla presenza del prof. Pier Luigi Lopalco è stata raccolta l’offerta dell’amministratore delegato della società per ricevere gratuitamente il farmaco Tocilizumab.

Scopri di più su: Coronavirus, prof. Lopalco alle emergenze epidemiologiche

Come noto, questo farmaco, è una delle possibili cure nei confronti dei pazienti affetti dal Covid-19: gli esperimenti effettuati su un gruppo selezionato di contagiati ha mostrato come il Tocilizumab abbia impedito la progressione della malattia verso altre forme più gravi.

Nei prossimi giorni, dunque, la Regione renderà noto all’azienda il reale fabbisogno programmato per poter mettere a disposizione il farmaco negli ospedali pugliesi.

Le parole di Michele Emiliano

Questo l’annuncio del governatore sulla sua pagina Facebook: “Abbiamo appena terminato la riunione in videoconferenza tra la task force regionale per l’emergenza coronavirus e i vertici della società farmaceutica Roche, alla presenza del prof. Pier Luigi Lopalco. Abbiamo deciso di accogliere l’offerta dell’amministratore delegato della società Roche per ricevere gratuitamente il farmaco “Tocilizumab”, che ha mostrato promettenti caratteristiche di efficacia in un gruppo selezionato di pazienti con Covid-19 Coronavirus, nell’impedire la progressione della malattia verso le forme più gravi.

Ieri sera ho parlato con il prof. Miscio dell’Ospedale Pascali di Napoli che mi ha dato informazioni sull’utilizzo di questo farmaco e sulla disponibilità della casa produttrice a fornircelo. Sono stati proprio dei medici napoletani, ispirati da uno studio dei medici cinesi, ad avere questa intuizione che speriamo dia buoni risultati. In meno di 24 ore la sanità pugliese ha chiuso l’accordo”.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:






Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento