News Taranto

Home » Puglia Notizie » News Taranto » Concattedrale di Taranto esposta a Parigi per una mostra d’arte

Concattedrale di Taranto esposta a Parigi per una mostra d’arte

“Una miniatura sarà esposta a Parigi in qualità di opera prestigiosa dell'architetto Gio Ponti.”
Concattedrale di Taranto esposta a Parigi per una mostra d’arte

La Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto, edificio sito nel borgo nuovo della città ed eretto nel 1970 grazie alla mano esperta del realizzatore milanese Gio Ponti, diventa oggetto di esposizione in Francia, nel Musée des Arts Décoratifs di Parigi. Il direttore del museo e curatore della mostra, dedicata alla carriera del celebre architetto lombardo sopracitato, ha deciso di esporre la facciata della struttura come apertura della mostra, a testimonianza della grande importanza artistica e architettonica della chiesa tarantina.

La mostra

Sono oltre quattrocento le creazioni realizzate da Gio Ponti ed esposte nella mostra a lui dedicata presso la capitale francese, e tra tutte la Concattedrale di Taranto è stata la prediletta, un simbolo di bellezza, magnificenza e abilità. Nel resto del museo saranno presenti elementi di arredo, lavori in ceramica e molto altro, un tributo nei confronti di un artista del suo mestiere, che proprio nella stessa location parigina aveva nel 1995 deciso di dare vita alla sua prima esposizione.

La struttura della Concattedrale

Una bianca vela che svetta a ridosso del mare pronta a prenderne le onde e partire verso il futuro, questa l’idea alla base della realizzazione della Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto. È partendo da questo concetto che i curatori della mostra hanno scelto la chiesa pugliese come miglior modo per accogliere tutti i visitatori dell’esposizione, un gioiello tra le opere di Gio Ponti, risultato di un lavoro certosino ricco di significati.

La storia

La realizzazione della Concattedrale di Taranto è legata al nome di monsignor Guglielmo Motolese, che desiderava un nuovo edificio ecclesiastico per il borgo nuovo della città. Erano gli anni ’60 e la città era sospinta da un nuovo sviluppo industriale che la rese foriera di vita, in migliaia giungevano da altri paesi vicini per lavoro, era quindi necessario dare loro un nuovo luogo di culto spazioso e all’avanguardia. L’impegno profuso dall’architetto Gio Ponti a tal riguardo fu encomiabile, dando vita a un capolavoro, un tempo immerso nel verde. Ora la facciata della Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto apre le porte di una prestigiosa mostra parigina, simboleggiando l’immenso valore della chiesa pugliese.


Data:

Inserisci Azienda Puglia
Crea Email Personalizzata
Segnala Evento Puglia