News Foggia

Home » Notizie Puglia » News Foggia » È il Comune di Chieuti la Porta della Puglia

È il Comune di Chieuti la Porta della Puglia

“La conferma è arrivata dal ministero dello Sviluppo Economico.”
È il Comune di Chieuti la Porta della Puglia

È ufficiale: il Comune di Chieuti è stato insignito del titolo di Porta della Puglia. A comunicarlo il primo cittadino Diego Iacono, che ha avuto il via libera dal ministero dello Sviluppo Economico.

Come spiegato dal sindaco, la decisione di intraprendere questa strada è volta alla creazione di spazi culturali che possano richiamare tantissimi visitatori per un miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini. Essere riconosciuti Porta della Puglia, dunque, rappresenta per il territorio chieutino una vera e propria ripartenza che darà sicuramente i suoi frutti, portando benefici al turismo locale, alle tradizioni e nel campo agroalimentare, consentendo e favorendo uno sviluppo locale che da troppo tempo è fermo.

Chieuti e il panorama dalla Maiella al Gargano

Ai confini con il Molise, Chieuti sorge su una collina dalla quale è possibile godere di un panorama mozzafiato che spazia dal mare alla Maiella fino ad arrivare al promontorio del Gargano. Un’altra sua caratteristica è data dalla popolazione, di origine albanese, dove molti parlano o comunque capiscono l’arbereshe, forma arcaica della lingua.

Gli albanesi, infatti, giunsero negli anni che vanno dal 1461 al 1470, quando Giorgio Castriota Skanderbeg, Princìpe di Krujia in Albania, inviò un corpo di spedizione di circa 5000 uomini in aiuto di Ferdinando I° d’Aragona nella lotta contro Giovanni d’Angiò. La popolazione quindi ed anche Chieuti, subirono una terza migrazione.

Centro storico di Chieuti e tradizioni

Caratterizzato da un centro storico con basse case, antichi palazzi e vicoli stretti, Chieuti è ricco di tradizione uniche che si tramandano da più di 400 anni, come ad esempio la festa di San Giuseppe, contraddistinta dalla benedizione dei fuochi e l’arrivo dei carri in paese.

Ad essere conscia del valore di Chieuti è stata la stessa Regione Puglia, che ha riconosciuto e tutelato queste tradizioni valorizzandole come risorse dalla forte identità storico-culturale ed umane fortemente radicate nel territorio, sostenendone anche lo sviluppo locale.

Unica nel suo genere la festa in onore del santo patrono San Giorgio, in cui fanno spicco la tradizionale benedizione dell’alloro, il tarallo e la corsa dei carri o Carrese, conosciute in tutto il mondo.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento