Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Chiesa Madre di Mesagne, fascino barocco nel cuore della città

Chiesa Madre di Mesagne, fascino barocco nel cuore della città

“Nel cuore del centro storico di Mesagne una costruzione di assoluta bellezza.”
Chiesa Madre di Mesagne, fascino barocco nel cuore della città

Nel cuore del centro storico di Mesagne, non distante dal suo castello, quasi all’improvviso, spunta in piazza IV Novembre un edificio dall’incredibile fascino barocco: la chiesa Matrice.

Scopri di più su: Castello di Mesagne, ennesima bellezza normanno-sveva di Puglia

Conosciuta e chiamata dai mesagnesi chiesa Madre, questa costruzione, edificata tra il 1650 e il 1660 è stata l’unica parrocchia di Mesagne fin al 1930.

Facciata della chiesa Matrice

L’architetto incaricato del progetto, Francesco Capodieci, ha voluto imprimere un forte senso verticale alla sua facciata, il cui prospetto è composto da tre ordini architettonici a loro volta sormontati da un timpano.

Il primo dei tre, composto da sei pilastri di ordine ionico, ha nei suoi interspazi quattro nicchie contenenti ciascuna una apostolo. Il secondo e il terzo, invece, sono rispettivamente contraddistinti da ordine corinzio e sei lesene e da tipo composito e contenete le statue di altri quattro apostoli.

Nel timpano, invece, è presente lo stemma di Mesagne e quattro angeli che facevano ala alla statua del Cristo, distrutta da un fulmine sul finire dell’Ottocento.

Chiesa Madre di Mesagne, portale e interni

Il portale, cinquecentesco, è sostenuto da quattro colonne doriche intagliate da motivi vegetali e antropomorfi ed è sormontato dalle statue di Sant’Oronzo, Anthia e Corebo.

L’interno, frutto di diverse modifiche e trasformazioni, è quello che si è consolidato tra il Seicento e il Settecento ed è a croce latina. Il coro e il presbiterio, separati dall’altare maggiore posto al centro, sono raggiungibili con due scalinate dal transetto.

Lungo le pareti dell’unica navata della chiesa Madre di Mesagne, inoltre, sono presenti cinque cappelle, alle quali bisogna aggiungere altri due capelloni nel transetto. Il fonte battesimale, invece, è riposto nella cappella più grande, quella all’ingresso.

Considerata una tappa obbligatoria per chiunque decida di visitare Mesagne, la particolare architettura di questa chiesa si presta alla perfezione per essere apprezzata sia durante le ore diurne che quelle notturne: il gioco di luci e ombre che regala offre uno scenario completamente diverso ma non per questo meno bello.


Data:

Riproduzione riservata. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:










Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento