Puglia Blog

Home » Puglia Blog » Chiesa della Santa Maria Annunziata, la cattedrale di Otranto

Chiesa della Santa Maria Annunziata, la cattedrale di Otranto

“Al suo interno sono presenti numerosi stili architettonici, frutto della sua storia millenari.”
Chiesa della Santa Maria Annunziata, la cattedrale di Otranto

Tra le affascinanti vie della città più a est della Puglia, Otranto, è possibile imbattersi nella splendida cattedrale del posto, la chiesa dedicata a Santa Maria Annunziata.

Le origini di questo importante luogo di culto sono piuttosto remote: pare, infatti, che l’edificazione di questa struttura debba essere fatto risalire al lontano 1068.

Costruzione della cattedrale

Stando ai documenti storici esaminati, pare che la cattedrale sia stata edificata sui resti di un villaggio messapico, di una domus romana e di un tempio paleocristiano per volere del vescovo normanno Guglielmo. Consacrata il 1 agosto del 1088, a partire da quel momento in poi la cattedrale si è confermata nel corso degli anni come punto di riferimento per tutti quei cristiani abitanti del posto. La storia, inoltre, racconta che nell’agosto del 1480 questo edificio sia andato incontro ad un atroce destino: dopo giorni di assedio i Turchi riuscirono ad espugnare la città, uccidendo tutti coloro i quali si erano rifugiati all’interno della cattedrale. Dopo un solo anno, grazie alla liberazione da parte delle truppe di Alfonso II d’Aragona, la chiesa, che era nel frattempo trasformata in moschea, fu restaurata e rimaneggiata.

Storia millenaria

Ad oggi la cattedrale di Otranto racchiude tra le sue mura le sua millenaria storia: il suo aspetto attuale è frutto di influenze arabe, romaniche e barocche che contribuiscono a renderla unica nel suo genere.

Facciata in pietra leccese

La facciata del luogo di culto, in tipica pietra leccese, si presenta in tutta la sua imponenza dello stile romanico. Il rosone presente al centro, invece, è stato ricostruito nel Cinquecento dopo l’occupazione russa e si presenta oggi con 16 raggi con fini trafori gotici di forma circolare convergenti al centro. Il portale, come evidente, risente dell’influenza barocca: aggiunto nel 1674, è composto da due mezze colonne scanalate che sorreggono lo stemma di un arcivescovo locale retto da due angeli.

Interno

Nel suo interno, invece, la cattedrale di Otranto è suddivisa in tre navate, separate tra loro da 14 diverse colonne costituite da capitelli romanici, ionici e corinzi, che hanno anche il compito di suddividere l’ampio spazio a croce latina. La vera particolarità di questo luogo di culto, tuttavia, è da ritrovare nel suo soffitto, contraddistinto da quelli delle altre chiese per merito dei suoi cassettoni di legno dorato su un fondo bianco e nero.

Sulle pareti dell’edificio, invece, sono presenti dei dipinti appartenenti direttamente all’epoca bizantina.

Il mosaico pavimentale e il suo mistero

Ciò che realmente rende questa chiesa particolare è sicuramente il suo mosaico pavimentale. Quest’opera, realizzata tra il 1163 e il 1165, è caratterizzata da un totale di oltre 600 mila tessere, il cui incastro perfetto ha portato alla rappresentazione di animali mitologici, eventi divini, scene descritte all’interno della Bibbia e tantissimi altri episodi di vita quotidiana.

Dietro la sua realizzazione, avvenuta per opera del monaco Pantaleone, si cela quello che è da tutti conosciuto come il mistero di Otranto. L’enigma è da ritrovarsi nel fatto che questo mosaico non sembri avere né un principio né una fine, nascondendo così il suo significato.

A prescindere da quale esso sia, la cattedrale di Otranto non perde di certo del suo fascino: una visita all’interno della struttura permetterà di apprezzare ogni singolo dettaglio di questo importante luogo di culto.


Data:

Riproduzione riservata © Serviziweb Srl. La riproduzione è concessa solo citando la fonte con link all'articolo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla Newsletter

Non riceverai spam ma messaggi in base agli interessi selezionati. Potrai inoltre annullare l'iscrizione in ogni momento.

Seleziona gli argomenti a cui sei interessato:

Turismo e curiosità
Eventi e sagre
Ricette pugliesi
Notizie rilevanti
Sconti e offerte
Inserisci Azienda
Crea la tua Email
Promuovi Evento